Delphi Team Roma - Appunti Sparsi

Questa pagina, a cura di Luigi Morelli, si propone di presentare una panoramica quanto più possibile varia ed interessante dei trucchi, dei consigli, delle piccole scorciatoie consentite agli sviluppatori sotto Delphi. Verranno di volta in volta esaminati brevi listati o semplicemente configurazioni che, se da un lato consentiranno di acquisire una sempre maggiore padronanza dell'ambiente di sviluppo, dall'altra daranno la possibilità di creare programmi quanto più possibile efficienti e (non dimentichiamolo) gradevoli ed ergonomici.

Di seguito verrà riportato un elenco che rappesenterà una sorta di indice degli argomenti trattati, con in testa l'articolo più nuovo. In alternativa, per i listati troppo pesanti da ridigitare, sarà possibile eseguire un download del sorgente oggetto del breve articolo.



Usare un alias

Quando viene configurato il Borland Database Engine (BDE), è opportuno utilizzare un alias per definire il proprio database, pena una notevole perdita di flessibilità e portabilità dell'applicazione. Nel configurare l'oggetto Table, infatti, nel campo Table1.DatabaseName occorre immettere il percorso drive:\directory\file_di_lavoro o l'alias scelto nella configurazione del BDE; se si sceglie di scolpire la codifica del database nel sorgente, sarà poi necessario ricompilare il programma ogni volta che si renderà necessario cambiare la posizione dei files o, peggio, preparare un programma dis etup automatico. Usando invece un alias nella configurazione BDE si renderà necessario solamente selezionare il driveal setup. La nuova configurazione diverrà operativa alla successiva partenza dell'applicazione, il che rappresenta sicuramente la scelta migliore.

Come creare dischi d'installazione per il BDE

"Bene, ho creato la mia prima, piccola applicazione Client/Server. Cosa devo fare per installarla presso il cliente?"
La domanda è lecita, dal momento che Delphi viene distribuito su CD-Rom, il BDE viene installato automaticamente e le informazioni sono talvolta un poco farraginose e nascoste. Quando vengono creati programmi che utilizzano un database, occorre installare anche il BDE sul sistema client; bene, i dischi d'installazione del BDE possono essere creati direttamente dal CD-Rom, sarà sufficiente seguire i passi seguenti:
  1. Inserire il CD contenente Delphi e selezionare la directory \redist\bdeinst. Questa directory conterrà a sua volta due directory, \disk1 e \disk2.
  2. A questo punto è sufficiente copiare il contenuto di ciascuna delle directory su di un dischetto separato: questi dischetti diverranno Install disk 1 ed Install disk 2
  3. E' ora possibile installare il BDE sul nostro sistema client, direttamente dai dischetti appena creati!

Come ricompilare sorgenti Borland Pascal in Delphi

In nome della tanto edcantata riusabilità del codice, molti di noi avranno cercato di sfruttare sotto Delphi tutte quelle simpatiche, divertenti ed efficientissime piccole routines sviluppate su di una piattaforma Borland preesistente. Purtroppo, non appena si viene alle prese con la gestione dei files, Delphi recalcitra e non accetta le dichiarazioni dei compilatori che lo hanno preceduto. Il sorgente riportato di seguito ne è un esempio.

var f: Text; begin Assign(f,'filename'); ... Close(f); end;

Text, Assign e Close sono divenute ora proprietà e metodi VCL. Per evitare problemi, occorre chiedere esplicitamente a Delphi di utilizzare la unit Systeml, come nel seguente frammento di codice:

var f: System.Text; begin System.Assign(f,'filename'); ... System.Close(f); end;

Oltretutto, il codice così modificato rende la routine portabile tra Borland Pascal e Delphi.


Torna alla Home Page.

Torna a inizio pagina.


Band. Italiana© 1996 Luigi Morelli, mc5225@mclink.itUltima revisione: 13 mar 1996.Accessi: