I Primi II: il Riso, la Pasta all'Uovo, Le Paste Ripiene e le Variazioni sul Tema





Le Ricette dei Linker

  1. Couscous con verdureVedere anche Taboulé
  2. Crepes salate
  3. Dolmades Col Riso ed Avgolemono
  4. Gnocchi alle Albicocche
  5. Insalata di Riso con Gamberi e Melone
  6. Insalata d'orzo perlato
  7. Lasagne al Microonde
  8. Orecchiette all'Ascoltone
  9. Orecchiette Estivissime
  10. Panisa (Risotto con salame e fagioli)
  11. Pappardelle alla Lepre
  12. Pomodori ripieni di riso
  13. Pomodori ripieni di couscous
  14. Ravioli allo Speck
  15. Ravioli di Salmone al Rosa
  16. Ravioli al Salmone e Spinaci
  17. Riso al Curry(2 Versioni)
  18. Riso alla Cinese
  19. Riso ed Indivia
  20. Riso Fritto alla Cantonese
  21. Riso Integrale al Parmigiano
  22. Riso Pilaff
  23. Risottine (Riso e Zucchine)
  24. Risotto Affumicato
  25. Risotto ai Gamberetti
  26. Risotto alla Pescatora
  27. Risotto al Latte e Limone
  28. Risotto alle Fragole
  29. Risotto allo Spumante
  30. Risotto con le Seppie o Totani o Calamari
  31. Risotto Rosso al Radicchio
  32. Taboulé e Varianti
  33. Tagliatelle (Sfoglia per ..)
  34. Tagliatelle alle Trote
  35. Tagliatelle Ceci e Gamberi
  36. Tagliolini agli Asparagi
  37. Timballo di Mezze Penne in Crosta Dolce
  38. Tortelli alle Erbe
  39. Tortelli Fritti
  40. Tortelloni Panna ed Asparagi

Ultima Revisione:27/3/2000




[Homepage] [Guida alla consultazione] [Dosaggi] [Database] [Ringraziamenti] [Link]

[Indice delle Ricette per categorie] [Indice delle Ricette in ordine alfabetico]



C

Couscous con verdure

Inizio


Crepes salate

Inizio


D

Dolmades Col Riso ed Avgolemono(Cucina Greca)
Ingredienti:
Foglie di vite o di lattuga
succo di 1 o 2 limoni
1 tazza da tè di olio
aneto tagliato fine
450 gr riso
500 gr di cipolle tagliate fine
sale e pepe quanto basta
Per "l'avgolemono" (salsetta di uova e limone):
Due tuorli di uova
farina di mais (maizena)
1 o 2 limoni

Tempo: Rapida Esecuzione: Facile

Far rosolare la cipolla nell'olio. Aggiungere dell'acqua e quando comincia a bollire aggiungere il riso. Lasciar bollire fino a che tutta l'acqua si sia asciugata e successivamente, dopo averlo tolto dal fuoco, aggiungere sale, pepe e aneto,olio
Sbollentare le foglie dopo averle accuratamente sistemate sul fondo della pentola, poggiandole poi singolarmente su di un panno o foglio di scottex affinchè si asciughino un pó. Riempirle successivamente, una alla volta, con un cucchiaio abbondante di riso, ripiegando poi la foglia accuratamente facendo attenzione che non si rompa e che tutti i lati siano ben chiusi.

N.B. Se si usano foglie di vite c'è da ricordare che la parte lucida della foglia deve rimanere all'esterno.

Stendere quindi sul fondo di una casseruola alcune delle foglie rimaste. Poggiarci sopra i dolmades e ricoprirli con un altro strato di foglie prelessate.

Versare sulle foglie un pò di limone e lasciar cuocere a fuoco moderato per qualche minuto.
Completata la cottura, togliere i dolmades dal fuoco, far riposare per due o tre minuti e quindi aggiungere l'avgolemono. Permettere all'avgolemono di rapprendersi per qualche minuto e quindi servire.

L'avgolemono viene così preparato: diluire la maizena con un pò d'acqua in una terrina. Unire i due tuorli, il succo di limone e sbattere il composto fino a che sia ben amalgamato. Aggiungere a piacere un pizzico di sale.

Questa ricetta ha, volendo alcune varianti in quanto il riso può essere preparato anche con il sugo di pomodoro e speziato in vario modo oppure addirittura sostituito da un composto a base di carne tritata. Nel caso voleste provare anche le varianti sarò ben lieta di fornirvi altre indicazioni.

Mangerecciamente vostra...
LAURA...

M. Laura Baronti Marchió

Inizio


G

Gnocchi alle Albicocche
Ingredienti:
700 g. di buone patate ben lavate
200 g. di farina
2 tuorli d'uovo
4 albicocche fresche tagliate a metà
1 presina di noce moscata
12 foglie di basilico
100 g. di burro
100 g. di parmigiano grattugiato
sale e pepe
Tempo: Medio Esecuzione: Media

In una casseruola capace, lessare le patate (con la buccia) in acqua leggermente salata; a cottura ultimata scolarle, pelarle, schiacciarle su una spianatoia o tavolo, aggiungere le uova, la farina, la noce moscata, sale e pepe quanto basta a impastare il tutto fino ad ottenere un composto uniforme e liscio.
Dividere l'impasto in 8 pezzi e appiatirli con le mani; porre al centro mezza albicocca, 1 foglia di basilico e richiudere bene la pasta formando dei grossi gnocchi di svariate forme.
Nel frattempo, in una casseruola far bollire dell'acqua salata, versare gli gnocchi e, dal momento in cui salgono in superficie, lasciarli nell'acqua per altri 3 o 4 minuti.
Disporre il rimanente basilico in 4 piatti, scolare gli gnocchi e sistemarne due in ogni piatto, versandovi sopra il burro precedentemente sciolto a bagnomaria e cospargere di parmigiano.
Portare subito in tavola.

Maurizio Federici

Inizio


I

Insalata di Riso con Gamberi e Melone
Ingredienti:
riso lessato
1 cespo di lattuga romana
gamberetti
melone
olio d'oliva
Tempo: Rapida Esecuzione: Facile

Questa insalata estiva, veloce, leggera, fresca e stuzzicante l'ho mangiata... da un McDonald, giuro! quello del centro direzionale di Perugia per l'esattezza. Rifatta per una cena tra amici, è sparita in un battibaleno... Per 4 persone diciamo circa 300 gr di riso lessato in acqua salata, scolato, sfreddato sotto l'acqua e fatto scolare di nuovo bene, quindi condito con un filo d'olio d'oliva leggero. Si aggiungono quindi un piccolo cespo di insalata (lattuga romana) tagliata a pezzetti, gamberetti (ho usato quelli surgelati da 300 gr) scottati in acqua per 4-5 minuti, due o tre fette di *melone* a dadini.
Mescolata, altro filino d'olio, lasciar riposare in frigo prima di servire, togliere una mezz'ora prima.
È insolita e molto estiva... buon appetito

Neeta (la ragazza scef-espres)

Inizio


Insalata d'orzo perlato

Inizio


L

Lasagne al Microonde
1 Versione
Ingredienti:
fogli di pasta secca (o meno secca)
parmigiano e/o mozzarella
Per il ragu
cipolla, carota
2 cucchiai d'olio
vino bianco
150-200 gr di macinato di manzo
polpa di pomodoro (barattolo di 500-800 g) Per la besciamella:
25 gr di burro
20 gr di farina
1/4 di litro di latte
sale e pepe bianco e/o noce moscata.
fino ad esaurimento (io faccio 4 o 5 piani...
Tempo: Medio Esecuzione: Media

Da un paio di mesi sono un felice possessore di forno a microonde (combinato ...+ grill) ed ho tutta l'intenzione di usarlo piu' spesso possibile. Qui in area ho avvertito una certa avversione per la cucina a mw... ma qualcuno diceva di avere un gran numero di ricette collaudate ...che non forniva solo per questa palpabile avversione che percepiva (almeno così mi sembra di ricordare!). Io, pur sapendo godere dei piaceri del palato, nella vita di tutti i giorni cerco cose non sofisticate che siano semplici e RAPIDE da preparare. Ho acquistato vari libri sulla cucuna a mw ...ma poche cose mi sembrano veramente testate; lo stesso manuale e ricette allegate e' insoddisfacente da questo punto di vista, sicchèsi puo' solo andare a naso.
Non chiedo l'OTTIMO, mi basta anche il semplicemente PASSABILE, purche' sia rapido, sicuro e non consideri, come dire?, la mancanza del curry o dell'alloro un problema insormontabile (se non c'e' il prezzemolo ...usiamo il basilico, no!?).

Ora vi dico come preparo le lasagne io (ma richiede troppo tempo per i miei gusti!):
faccio sbollentare i fogli di pasta secca (o meno secca) per 4/5 minuti, le le metto ad asciugare per un po'. Nel frattempo preparo il ragu: un po' di cipolla e carota tagliuzzata con un paio di cucchiai d'olio e vino bianco (1 minuto a 900 W al micro-wave); ci aggiungo 150/200 gr di macinato di manzo (altri 2 minuti al mw); aggiungo la polpa di pomodoro (barattolo di 500/800 gr.) e faccio cuocere per 5 minuti, mescolo un po', altri 5 minuti.
Preparo la besciamella: 25 gr di burro (1 minuto a 900 w, cosi' si scioglie) aggiungo 20 gr di farina e 1/4 di litro di latte. Mescolo meglio che posso senza badare troppo ai grumi che comunque si scioglieranno (4 minuti al mw rimescolando a metá tempo). Aggiungo sale e pepe bianco e/o noce moscata. Preparo le lasagne alternando una sfoglia di pasta (sopra metto besciamella, sugo, parmigiano e/o mozzarella) fino ad esaurimento (io faccio 4 o 5 piani... ma sembra comunque bassino il palazzetto, sara' la pasta che e' troppo sottile?
Cottura: 5 minuti a potenza piena e 5 un po' piu' bassa (600). Se a voi e' sembrata schifosa... da me la mangiano volentieri! Mia moglie lo so che bara... se cucino io, lei si gratta la pancia (e anche questo lo fa volentieri!). A parte gli scherzi, lo consideriamo un buon piatto pur avendo mangiato, naturalmente altrove, le vere lasagne (quelle buone/buone, intendo).
Lo sforzo io l'ho fatto... ora ditemi le vostre ricette (a microonde, eh!). Anche quelle a base di pesce (magari senza uso di sughetti vari ecc.). L'altro giorno, a pranzo, ho preparato la coda di rospo (acqua, limone, poco olio e basilico :-( che il prezzemolo non l'avevo...), sono stato malissimo perche' l'hanno fatto mangiare solo a me: o era troppo, o chissá cos'altro... la sera, a cena da amici,non ho toccato cibo perche' ero in preda ad una strana nausea.
Fiducioso attendo.

Alberto


Lasagne al Microonde
2 Versione
Per 4 persone
lasagne larghe gr.350 (io ho usato quelle gia' precotte) lonza di maiale tritata gr.400
ricotta romana fresca gr. 300
panna gr 100
una carota, un gambo di sedano, uno spicchio d'aglio, una piccola cipolla
burro gr.50
mezzo bicchiere di vino rosso
concentrato di pomodoro
due o tre foglie di basilico, una foglia di alloro
un dado per brodo
noce moscata, sale pepe, olio
formaggio grana o parmigiano

Con qualche piccolo ritardino........ :-)
Tritare carota, sedano, aglio e cipolla. Mettere il trito in una pentola a bordi alti che possa andare al microonde; aggiungere 5 cucchiai d'olio. Mettere il recipiente nel forno e programmare alla massima potenza per 3 minuti.
Dopo i 3 minuti, unire la lonza tritata, mescolare e fare cuocere per 2 minuti. Mettere il vino, aggiungere due cucchiaiate di concentrato di pomodoro (io ho usato salsa di pomodoro), le foglie di basilico e quella di alloro. Mescolare per bene e proseguire la cottura a recipiente coperto per 25 minuti circa, mescolando a metà cottura.
Passare al setaccio la ricotta e raccoglierla in una ciotola. Unire la panna, una spolverata di noce moscata e di pepe. Mescolare.
Cominciare a disporre le lasagne nella teglia per microonde alternando con la ricotta e il sugo preparato; spolverizzare ogni strato con il formaggio. Sull'ultimo strato mettere pezzetti di burro.
15 minuti prima di servire le lasagne, porle nel forno programmato alla massima potenza.
Vi assicuro che sono molto buone! ...

Angela

Inizio


O

Orecchiette all'Ascoltone
Per 6 persone
1 salsiccia
broccoletti
vino bianco
pecorino
polpa di olive
aglio e peperoncino
Tempo: Medio Esecuzione: Media

Dunque: questa ricetta viene fuori dall'ennesimo volo di fantasia, soprattutto viene dal fatto che non ho più niente in frigo e dovrò scendere sotto la pioggia al mercato!
Credo che basti l'idea base:
una ricetta che conosco è, in fondo, delicata: si tratta di lessare le orecchiette, aggiungere negli ultimi 10 minuti i broccoli, soffriggere in un padellino aglio e peperoncino, scolare orecchiette e broccoli (visto che cuociono fisicamente insieme) ed aggiungere il padellino (il contenuto) con aggiunta di abbondante pecorino, io metto il pepe (profumo), bottiglia di robusto rosso...
Ora voglio emozioni più forti:
un ascoltone dovrebbe saper cogliere i sapori nascosti sotto forti compagnie, vero?
Rosolerò per lui una salsiccetta con aglio e peperoncino, aggiungerò una spruzzata di vino, ancora bagnati i broccoli che, sotto un buon coperchio, doneranno tutti i loro umori: broccoli forti che non lesseranno, ma faranno rimanere colà tutta la loro intensità! è in questa alcova che libidinose saranno introdotte le orecchiette, perchè, con un ultimo tocco di polpa di oliva, altro peperoncino a volontà, ed una nevicata di intenso pecorino, diano sfogo a tutta la loro bestiale voluttà nell'unirsi coi broccoli!
Sono convinto che una pasta semplice possa dare il meglio di sé in un semplice rito orgiastico, quale il citato: quel che conta è la genuinità degli ingredienti, il tocco della mano che proporziona le voci del canto, dei sospiri, ed accarezza e scorre sul palato sapiente dell'ascoltone...

ZAPPATERRA

Inizio


Orecchiette Estivissime
Ingredienti:
orecchiette
pomodorini freschi di sicilia
cipollina
sedano
molto basilico tritato
mozzarella
olio d'oliva, sale
Tempo: Medio Esecuzione: Facile
Se ti piace la roba esotica prova con le orecchiette ;-) condite con pomodorini freschi di sicilia, cipollina, sedano, molto basilico tritato, mozzarella ed o- lio d'oliva.
Si cuociono le orecchiette passandole poi sotto acqua fredda e si condiscono con la roba di cui sopra che avrai provveduto a tagliare e mettere in un reci- piente con olio e sale almeno una mezzora prima (ma si può fare anche sul mo- mento mentre cuociono le orecchiette). :-)
Prima di mangiare sarebbe meglio lasciare il tutto (orecchiette e condimento) qualche minuto a riposare.

Estivissivissimi... :-)

PS. Ottima alternativa alle orecchiette sono fusilli e farfalle.
Zac

Inizio


P

Panisa (Risotto con salame e fagioli)

Dosi approssimate:
Olio
1 cipolla
100 gr. di lardo (o pancetta)
50 gr. di salame morbido
200-250 gr. di riso.
Fagioli di Saluggia (o borlotti) bolliti con foglie di alloro e sedano, col loro brodo di cottura.
1-2 bicchieri di vino rosso

Tempo: Medio Esecuzione: Media
Ricetta che mia madre ha ricostruito dopo averla sentita in TV...
Soffriggere con dell'olio la cipolla affettata o tritata. Unire il lardo ed il salame tritati. (Ai tempi che furono in Piemonte veniva usato un salame morbido perchèconservato nello strutto) Quando il tutto è ben soffritto unire il ri- so e farlo rosolare. Volendo, lasciar riposare un po' il riso, naturalmente le- vato dal fuoco.
Riprendere la cottura aggiungendo al riso mestolate (una alla volta) di fagioli e loro brodo di cottura, alternato al vino rosso.
Persoanlmente faccio uso di riso parboiled, che richiede 15-20 minuti di cottu- ra.

Emilio

Questa la provo di sicuro, colesterolo permettendo! :-)
Ma sul riso parboiled dissento completamente! Il riso parboild non va assolutamente bene per il risotto Emì!! Non è poroso, non si insaporisce. Prova a metterci un carnaroli, un superfino arborio e sentirai la differenza.
Io uso il parboiled solo per le insalate ed i grandi cuochi sostengono che non si debba usare neanche per quelle!
Bye
EmmeTi

Inizio


Pappardelle alla Lepre
Ingredienti 6 persone
una lepre (completa di sangue)
pappardelle fresche 600 gr
olio di oliva 100 gr (inutile specificare extra vergine, qui dentro)
prezzemolo
cipolla
carota
sedano
un bicchiere di vino rosso
mezzo bicchiere di latte
parmigiano
sale - pepe
Tempo: Lungo Esecuzione: Difficile
Neanche io ho mai cucinato la lepre... ma ho trovato la ricetta: non avendola provata personalmente non ho suggerimenti particolari, ma ho sempre trovato af- fidabili le ricette di questo libro di cucina regionale. È una specialità di Arezzo.

Pulire bene la lepre conservando, a parte, il suo sangue. Tritare prezzemolo, carota, cipolla e sedano, versare il ricavato in una cas- seruola, unire l'olio, un pizzico di sale e di pepe; porre nel recipiente le spalle, la testa, il cuore ed il polmone della lepre (le rimanenti parti si cu- cineranno in altro modo). Mettere il recipiente sul fuoco e lasciare che la carne perda tutta la sua acqua; quando il battuto sarà diventato color nocciola irrorare on il vino ed appena questo sarà evaporato unire il sangue della lepre prima diluito con ac- qua calda; dopo qualche minuto aggiungere il latte. Appena queste parti della lepre saranno cotte, disossare le spalle e la te- sta, rimettendo il ricavato nella casseruola; fare alzare il bollore e poco prima di levare il recipiente dal fuoco aggiungere il fegato tagliato a pezet- tini.
Lessare in abbondante acqua bollente salata la pasta, scolarla leggermente al dente e poi condirla con tutto l'intingolo di lepre e parmigiano grattugiato. Servire subito.

Marcello

Inizio


Pomodori ripieni di riso

Inizio


Pomodori ripieni di couscous

Inizio


R

Ravioli allo Speck
Ingredienti per 4-6 persone:
1 confezione di mascarpone piccola
4 fette di spek tagliate normali
Ravioli Ricotta e Spinaci
Salvia
Burro
salvia
Tempo: Rapida Esecuzione: Facile

Mentre bolle l'acqua, in un tegame largo (o ampia padella) ponete burro e salvia ad insaporire, poi lo spek tagliato in striscioline facendo insaporire il tutto (NON soffriggere troppo sennò diventa lo spek croccante e il tutto troppo pesante). Quando il grassettino dello spek è diventato trasparente, aggiungere il mascarpone ed amalgamare (al limite un goccino di acqua di cottura della pasta per allentare), scolare i ravioli, passarli un attimo a mantecare nel condimento e servire...

Garantisco per la delicatezza e la appetitosità del piatto... un pò meno per la leggerezza... Un valido piatto-unico.

Ottima variante è usare la panna da montare (molto più leggera della panna da cucina stessa) o la panna vegetale... Oppure pasta normale invece dei ravioli (Lingue di Passero della DeCecco o bavette)

Carlo

Inizio


Ravioli di Salmone al Rosa
Ingredienti:
ravioli ripieni di salmone
pomodoro
olio extravergine
panna da cucina

Tempo: Rapida Esecuzione: Facile

Ravioli cotti in un attimo, senza lasciarli scuocere, stesi sul piatto molto ben scolati, quindi conditi col sugo rosa e per finire parmigiano reggiano a scaglie in cima a tutto, senza esagerare, giusto per dare un tantino di spinta al gusto.
Eccellenti! :-) Ho realizzato un sugo rosa molto leggero, praticamente solo pomodoro, un filo di extravergine fatto a casa di mio padre, e poi panna da cucina, a fuoco lento, lasciato addensare un pò per non averlo troppo liquido. Ah, e un pizzico di sale.
Ravioli cotti in un attimo, senza lasciarli scuocere, stesi sul piatto molto ben scolati, quindi conditi col sugo rosa e per finire parmigiano reggiano a scaglie in cima a tutto, senza esagerare, giusto per dare un tantino di spinta al gusto.
Eccellenti! :-)

JonVon

Inizio


Ravioli al Salmone e Spinaci
Ingredienti:
per il ripieno:
salmone
spinaci
erba cipollina
sale
per la pasta:
1 uovo per ogni 100 g di farina
sale
1 bustina di zafferano
per il condimento:
burro e farina, oppure maizena
Tempo: Lungo Esecuzione: Media

premessa: il salmone che avevo era la testa di un salmone da 6 kg, preventivamente surgelata (compro i salmoni interi e li taglio a trance), quindi la polpa che ho usato era quella contenuta all'interno della testa (ce n'è, ce n'è...). Ho fatto cuocere a vapore la testa e l'ho spolpata per bene, mettendo poi le lische nell'acqua rimasta dalla bollitura a vapore e portando a bollore per ricavare un pò di fumetto di pesce.
Ho fatto cuocere a vapore un pò di spinaci, li ho tritati finemente e li ho aggiunti in padella alla polpa di salmone sminuzzata ed all'erba cipollina, con un cucchiaio di fumetto, e ho fatto asciugare un pò il tutto, aggiustando di sale.

Ho preparato la pasta con la farina, il sale, lo zafferano e le uova, l'ho fatta riposare una mezz'oretta avvolta nella pellicola di plastica.

Ho fatto restringere il fumetto rimasto, l'ho passato al colino fine e l'ho fatto addensare con un pò di maizena (penso si possa ottenere lo stesso risultato con un roux di burro e farina). Stesa ben sottile la pasta con la macchinetta, ho preparato dei ravioli con la farcia ottenuta, ritagliandoli con la rotellina smerlata (grande effetto plastico ed estetico :-). La farcia avanzata è finita con il fumetto, tipo raguttino...Poi è stata acqua (salata !) a bollore, qualche minuto di cottura dei ravioli, e poi un saltino in padella con il ragù di pesce... insomma, a me sono piaciuti (anche a mia moglie, pare :-)

Qualche considerazione personale me la passate ?

Genericamente: la faticata è notevole, ma forse solo per chi, come me, è disorganizzato a livello agonistico.
La pasta all'uovo: per i fortunati mortali l'impastatrice dovrebbe ridurre di molto la fatica, io ho rimediato minacciandola fisicamente coi bicipiti palestrati :-) con fascia antisudore in fronte ("che fai, Rambo ?" la mia dolce metà :-) ed ora so perchè le emiliane "di razza" mi hanno sempre dato l'impressione di avere due belle bracciotte sode :-)
Il ripieno: fatelo asciugare bene, che non rilasci liquido quando preparate i ravioli. In caso contrario la pasta, se troppo bagnata, tende a staccarsi e ad aprirsi.
I piatti sporchi: li lavavo via via che cucinavo, e per fortuna, chè altrimenti, organizzato come sono, a contarli dopo si scoprivano nuove frontiere della matematica :-)
Il condimento: ...ecco... quello che avete letto è quello che avrei voluto fare :-)) Ma mia moglie è entrata in cucina, e siccome appartiene a quel tipo di moglie che mentre stai facendo buchi nel muro col trapano arriva a pulire, ha cominciato a lavare i piatti... "ma.. la padella...l'hai vuotata ?" "Sì, era piena d'acqua sporca !" Stabilito che il fumetto di pesce può presentarsi come "acqua sporca", dopo le risate di rito (un'ora a preparare il fumetto: e che vuoi fare ? metterti a piangere ?) ho improvvisato un sughetto d'emergenza aggiungendo alla farcia un barattolo di vongole ed usando la loro acqua di conservazione come fumetto. Fino alla prossima prova resterò sempre con la curiosità di come sarebbero stati i ravioli se...

Raimondo Spada

Inizio


Riso al Curry:
1 Versione
Ingredienti:
cipolla
burro
brodo di soja (acqua & soja...)
polvere di curry
riso parboiled
Tempo: Medio Esecuzione: Media

Si fa un battuto di cipolla, si mette con il burro e l'olio e un goccio d'acqua sul fuoco; l'acqua serve a fare trasparente la cipolla e precuocerla prima di imbiondire. Quando la cipolla& egrave; trasparente e l'acqua evaporata, si aggiunge un pò di polvere di curry (1/2 cucchiaino a testa) e si gira e si fa colorire il tutto.

Si versa il riso e si continua con la preparazione del pilaff.

Nota sul riso: usare riso "parboiled" come, per esempio, il Flora. Ho un alimentari vicino casa che ha l'arborio parboiled sfuso, e lo compro a kili. Il parboiled è una lavorazione che si fa al riso, e che evita la perdita di quanto vi è sotto le glumette: al momento di "sbramarlo" vengono via le glumette, ma restano le sostanze che si sono solubilizzate nel chicco. La lavorazione consiste in una quasi precottura, perchè si mette il riso in corrente di vapore e poi lo si fa riseccare.

Dopo il riso vado a letto, e domani vi lascio la prossima ricetta.

Vi saluto tutti

soia: usando quella scura (che penso abbia il caramello) ne metto finchè la colorazione è ...quasi di brodo! Del resto la salsa di soja contiene sale, quindi si può addirittura salare poco o niente: io salo niente. Intendo niente in aggiunta...

ZAPPATERRA


Riso al Curry:
2 Versione
Ingredienti:
1 mela renetta profumatissima
un pò di cipolla rossa dolce
un tocchetto di pancetta affumicata
un dito di vino bianco secco in fondo alla pentola
un pò di salsa di soia (mi sto rendendo conto che ho detto "le dosi sono per..." ma queste non sono dosi, sono opinioni!! hehe comunque proseguo)
due-tre cucchiaini di curry dolce
mezzo bicchiere di riso, io uso il Ribe Parboiled, ma ci starebbe benissimo il Patna (quello indiano, a chicchi allungati, che non si attaccano manco se lo cuoci nel Vinavil)
Tempo: Medio Esecuzione: Facile

Ho fatto scaldare il vino con la soja, dimenticavo: ci ho aggiunto un cucchiaino di pasta di olive. Intanto ho fatto a pezzetti la mela, sbucciata e svuotata, la cipolla e la pancetta e ho buttato il tutto nella pentola. Fatto bollicchiare per quattro-cinque minuti, ci ho aggiunto il curry; quando si è ben amalgamato, formando la pappetta, ci ho messo a rosolare il riso. Dopo qualche minuto ho aggiunto acqua (il doppio del riso, misurata a bicchieri) e sale e l'ho lasciato cuocere finchè non s'è bevuta tutta l'acqua.

Servito bollente è ottimo.

A proposito: io queste ricette le invento sul momento; non consulto nessun ricettario; e ho regolarmente un problema: mi piacerebbe trovargli un nome, ma la fantasia che mi si esaurisce tutta nella composizione della ricetta, mi resta svuotata al momento di scegliere il nome.

Stefano Toria

Inizio


Riso alla Cinese (da usarsi come contorno)
Ingredienti (per 3-4 persone):
riso tipo ribe (da dosare come indicato in seguito)
acqua
Tempo: Medio Esecuzione: Facile

Premessa: col riso alla cinese occorre precisare molto bene le "condizioni al contorno", che definiscono la quantità d'acqua necessaria per la cottura. Al variare del tipo di riso, per esempio, del grado di cottura desiderato o del diametro della pentola in relazione alla quantità di riso, varia tale quantità.

Per 3-4 persone è opportuno usare una pentola da 16-18 cm. Come coperchio, personalmente amo usare quelli in Pyrex, che si trovavano in giro parecchi anni fa, e che possono essere usati anche come padellini.

Come dosatore, uso un bicchierino da youghurt, di quelli da 125 grammi. Misuro due bicchierini di riso colmi, e li metto nel coperchio/padellino in Pyrex, poi misuro una quantità uguale di acqua e la verso nella pentola. Accendo il fuoco, verso l'acqua, e copro la pentola col coperchio col riso.

Quando l'acqua bolle, scoperchiare la pentola, salare l'acqua se lo si desidera e versarci il riso; mescolare bene, coprire la pentola col coperchio ROVESCIATO e non appena l'acqua bolle di nuovo scoperchiarla e mescolare ancora il riso.

Dopodichè, coprire nuovamente la pentola col coperchio ROVESCIATO e abbassare la fiamma al MINIMO - non al "minimo" prestabilito, ma girare la manopola nel verso della chiusura, lasciando un filo di fiamma, sull'orlo dello spegnimento, quanto basta perchè l'acqua continui a bollire delicatamente.

Operare con rapidità e precisione, il vapore nella pentola è prezioso. Se tutto è stato fatto come si deve, dai bordi del coperchio non uscirà neanche un filo di vapore, che invece tenderà a condensarsi sulla superficie curva del coperchio, gocciolando di nuovo nella pentola - è per questo, infatti, che il coperchio deve essere ROVESCIATO.

Tenere d'occhio la quantità d'acqua nella pentola attraverso il Pyrex trasparente, eventualmente inclinando il tutto per verificarne la presenza: quando all'interno della pentola sarà scomparsa ogni traccia d'acqua, ossia dopo un periodo di tempo variabile tra i 5 e i 20 minuti, a seconda della qualità usata, il riso sarà cotto.

Qualche esperimento permetterà di dosare con precisione acqua e riso, in modo da ottenere il grado di cottura preferito. Come dicevo, a me piace tanto al dente da essere ancora sull'orlo del crudo :)

La particolarità di questa tecnica di cottura consiste nel fatto che il riso mantiene tutto il suo sapore, e i suoi chicchi rimangono staccati - anche da freddo, non si formano quegli orribili malloppi di materia biancastra...
Le varietà che apprezzo di più sono il ribe parboiled e il ribe integrale, ma oggi proverò il thailandese... :)

Pierluigi "Zio Lonewolf" Miranda

Inizio


Riso ed Indivia
Ingredienti:
1 cespo di indivia
1 dado da brodo o se preferite il sale
1 pugno di riso a persona o poco più
burro
parmigiano
Tempo: Medio Esecuzione: Facile

Mettete a bollire l'acqua (regolatevi per la quantità, cioè a secondo se la volete molto brodosa o meno). Lavate accuratamente l'indivia (la parte più bianca può essere meglio utilizzata in una insalata) e tagliuzzate le foglie. Appena bolle l'acqua, aggiungete la verdura e fate cuocere per 5 minuti circa. Aggiungete il dado, il riso e lasciate cuocere per 20 minuti circa (a secondo la qualità del riso). Unite un pezzetto di burro ,il parmigiano e servitela ben calda.

Una variante (meno "rinfrescante") potrebbe essere :
far rosolare per qualche minuto in un pò di olio o burro, una cipolla tagliata sottile, l'indivia e, sempre se lo gradite, un pezzetto di pancetta arrotolata. Poi aggiungete l'acqua e così via....
Enrica Lavista

ho sperimentato immediatamente la minestra di indivia ...solo che non ho comperato indivia, mi confondo sempre, bensì scarola: buona lo stesso.

Co 'sto freddo!

Senti ho fatto una variante: pancettina affumicata anzichè guanciale; a me il profumo della pancetta affumicata nelle minestre ricorda il profumo di legna delle pietanze cotte al camino... e la cosa mi conforta ancora di più in queste giornate fredde. Altra variante, che mi stupisco non abbia proposto tu, soja, salsa di soja anzichè sale o dado: il sale è solo ...sale, il dado contiene glutammato monosodico che può dare effetti anche indesiderati; la salsa di soja è perfetta, a meno che non si usi il concentrato di carne Liebig.

Mi hai fatto fare una grande scoperta: ho sempre fatto le minestre di verdura mettendo le verdure a crudo e acqua fredda, invece, imbiondendo la cipolla colla pancetta e aggiungendo la scarola ad appassire, ho fatto entrare una intera insalatiera di scarola dentro la pentola, ed ho fatto una minestra giusta per tre!

Ho aggiunto riso integrale e una manciatina di lenticchie sgusciate, fatto cuocere per un'ora, finchè il riso era buono, ed ho servito con un filo di olio.

Era proprio buona, grazie.

In genere, mettendo le verdure in acqua fredda, mi venivano le minestre più blande, ed ho sempre adoperato molti cereali per addensare e far corpo, ma questo lo scriverò prossimamente.

Inizio


Riso Fritto alla Cantonese
Ingredienti:
Riso 200g. (ma davvero?... del tipo che non scuoce, parboiled),
1 porro o 1 cipolla (a seconda dei gusti, il porro è più delicato)
pisellini 50g
carote 50g.,
petto di pollo o polpa di granchio (anche qui, dipende dai gusti) 50g.
1 o 2 uova, olio di soia, sale e pepe bianco.
Tempo: Lungo Esecuzione: Media

Bollire il riso in abbondante acqua salata, scolarlo ben al dente (anche leggermente crudo, magari...) e lasciarlo raffreddare. Tritare il porro o la cipolla, tagliare a dadini la carota e sbollentarla insieme ai piselli (meglio ancora, una veloce cottura a vapore... anche qui, verdure al dente). Tagliare il pollo alla julienne (a filetti sottili...) od il granchio a dadini. Sbattere le uova.

Mettere in una pentola (meglio della padella, il massimo è il tradizionale wok) un pò d'olio di soia, e soffriggere il porro o la cipolla. Quando comincia a dorarsi, alzare la fiamma e aggiungere carote e piselli, mescolare per un minuto, quindi aggiungere il pollo o il granchio. Non appena quest'ultimo sarà cotto (un paio di minuti...) aggiungere le uova, sempre continuando a mescolare: in pochi secondi si rapprenderanno. A questo punto, aggiungere il riso e far saltare per 2-3 minuti.

A questo punto, pepare e salare, continuando a rimestare ben bene (volendo, al posto del sale, si può usare la salsa di soia... io adoro quella ai funghi od il ketjap manis).

Servire caldissimo su un piatto da portata, o direttamente con il wok (occhio alle ustioni!).

LoneWolf

Inizio


Riso Integrale al Parmigiano
Ingredienti:
riso integrale
parmigiano
Tempo: Lungo Esecuzione: Facile

un riso integrale cotto a puntino. Sopra ci spolverano una bella manciata di parmigiano e poi mettono tre minuti nel microonde...Ottimo. Se avete un mco provate. Niente olio. Il calore del microonde scioglie il parmigiano, lo fa "entrare" tra i chicchi del riso. Poi, con un'ultima scottata, fa la crosticina...

Inizio


Riso Pilaff
Ingredienti:
riso "patna"
cipolla
burro
dado
Tempo: Medio Esecuzione: Facile

come cuocere del buon pilaff (riso alla turca): accendere il forno, in modo che iincominci a scaldarsi. Far bollire un litro di acqua per ogni 500 g di riso. a bollore aggiungere un dado . in un recipiente basso (per forno) far soffriggere una cipolla tagliata finemente con del burro. la cipolla non deve colorirsi. aggiungere il riso e mescolare in modo da far insaporire il tutto. versare il brodo bollente e mescolare ancora. coprire il tegame e porre nel forno per circa 15-18 minuti, senza mai mescolare. ottimo con pollo o crostacei. saluti a tutti. maria mc1745.

Inizio


Risottine (Riso e Zucchine)
Ingredienti:
una pentola a pressione di dimensioni medie
una zucchina a persona
100 grammi (o più) di riso a persona
300 cc di acqua per ogni etto di riso più i dadi necessari alla brodizzazione dell'acqua
aglio
un uovo ogni due porzioni
qualche goccia di salsa di soia
parmigiano
burro
una spruzzatina di un buon vino bianco
Tempo: Medio Esecuzione: Facile

molto semplice: si tagliano a fettine le zucchine e si fanno cuocere nella pentola a pressione senza coperchio (così non sporcate altre pentole) assieme ad uno spicchione d'aglio e naturalmente all'olio. Regolatevi voi per la quantità. Appena cotte (le fettine diventano molto morbide e si riducono anche di un bel pó) procedete a mò di risotto aggiungendo il riso, facendolo saltare un pò nella pentola e irrorandolo del vino bianco. Ovviamente prima di coprire bisogna aggiungere il brodo e lasciate in pressione per 6-7 minuti: come al solito. Sfiatato il vapore e rimescolato un pò l'intruglio aggiungete le uova che avrete provveduto ad aprire in un piatto e a battere con un pò di parmigiano e un pizzico di sale. Infine la noce di burro e l'ultima botta sul fuoco renderà il tutto particolarmente mantecoso. Servire non proprio bollente (potrebbe essere dannoso)

adp

questa ricetta è stata inventata da me e mia moglie solo 3 ore fa e l'abbiamo subito sperimentata. Ci è piaciuta molto.

Inizio


Risotto Affumicato
Ingredienti:
riso occorrente
Speck affumicato (quanto ve ne aggrada)
Scamorza affumicata (quella che trovate nel frigo)
Vero radicchio di Treviso (Poche foglie)
Cipolla (forse meglio lo scalogno ,più delicato)
Burro (un pochinino)
Panna SVV (panna Se Voi Volete)
Brodo (anche di dado)
Tempo: Medio Esecuzione: Media

Mettere in una casseruola la cipolla (o lo scalogno) con il burro e una parte dello Speck tagliato a dadini. Quando il tutto è appena rosolato aggiungere, come fareste con un normale risotto , il riso. Lasciar tostare un pó.

Girate sempre, aggiungendo di tanto in tanto del brodo che avrete, logicamente, preparato in precedenza. Mondate il radicchio, ma forse potevate anche farlo prima. Staccatene 4 o 5 foglie e tagliatele a listelli larghi un centimetro. A tre quarti della cottura del riso aggiungete il radicchio che avete testèpreparato.

Continuate la cottura come un normale risotto.

Nel frattempo avrete preparato, in un piatto a parte, il rimanente speck (SVV) e la scamorza , tagliati a dadini.

Quando il riso è quasi cotto aggiungete questi ultimi due ingredienti ed amalgamate. A vostra discrezione aggiungete la panna , che lega il tutto e crea una stupenda crema.

Lasciate riposare per qualche minuto

Accompagnate con dell'ottimo vino genuino. Possibilmente un rosso.

Roberto Lostorto

Inizio


Risotto ai Gamberetti
Ingredienti per 4 persone:
400 g riso
1 kg scampi (300 g polpa)
80 g burro
1/2 cipolletta
1 spicchio aglio
1 bicchiere di vino bianco
2 foglie alloro
sale, pepe q.b.
Tempo: Lungo Esecuzione: Media

Ho trovato la ricetta di un 'risotto con gli scampi'; che penso vada bene anche per il risotto con i gamberetti: te la passo pari pari. Estrarre dagli scampi le code, mettere le teste ed i gusci in 1.5 l acqua con le foglie d'alloro, lo spicchio d'aglio ed il sale e far bollire per 1 ora: si ottiene così il brodo di cottura del riso (1 l di brodo, da filtrare prima dell'uso). Far appassire in 40 g burro la cipolla tritata finemente, gettarvi le code, lasciarle rosolare qualche minuto, bagnare con il vino, aggiungere il riso e portare a cottura con il brodo ottenuto. Togliere dal fuoco, mantecare con il burro, regolare di sale e pepe. Probabilmente i gamberetti, che hanno una polpa più delicata di quella degli scampi, potrebbero essere aggiunti nel riso verso metà cottura invece che all'inizio, evitando di risultare stracotti. Spero di poterti essere stato d'aiuto. Ciao

Raimondo Spada

Inizio


Risotto alla Pescatora
Ingredienti
gamberi
cozze
riso superfino
olio
uno spicchio d'aglio
vino bianco secco
pomodori pelati
ciuffetti di calamaro
peperoncino rosso
Tempo: Lungo Esecuzione: Media
Ho provato a cercare nei (pochi) libri rimastimi e non ho trovato nulla; pero' oreocchiando qua e là...
Diciamo che proverei a sgusciare un po' di gamberi e preparerei un fumetto facendo bollire i gusci e le teste. Poi, facendo aprire le cozze in un tegame, sai che si libera sempre un po' di liquido; ecco, ne terrei da parte un po'. Probabilmente farei tostare il riso (un riso superfino, direi) in un po' d'olio nel quale avrei fatto soffriggere uno spicchio d'aglio, sfumerei con un po' di vino bianco secco e tirerei a cottura con il fumetto ed il liquido di cottura delle cozze, aggiungendo a metà cottura un po' di pomodori pelati e dei ciuf- fetti di calamaro. Gamberi e cozze li aggiungerei solo a pochi minuti dalla fi- ne della cottura, assieme all'eventuale sale. È probabile che aggiungerei un'idea di peperoncino rosso, e che probabilmente *non* spolvererei con il prezzemolo fresco (magari però a qualcuno piace). Sì, probabilmente lo farei così, dovessi andare a naso :-)

Raimondo Spada

Inizio


Risotto al Latte e Limone
Per 5 Persone:
500 gr di riso
1 Litro di latte
1 Limone
Sale
Tempo: Medio Esecuzione: Facile

Versare nella pentola il latte,farlo scaldare come si fa normalmente con l'acqua per fare il risotto. Una volta che il latte si sarà scaldato si aggiungerà il riso e lo si farà cuocere nel latte aggiungendo però tutta la scorza di un limone di media grandezza. Rimestare molto durante la cottura per avitare "attaccamenti" che vi giuro sono deleteri fatti con il latte e il limone! A cottura ultimata servire caldo (perche sinceramente freddo è orrendo). Ah! quasi dimenticavo non eccedete con il sale (Che ci và) per evitare fissioni atomiche a catena del latte! Ciao Buon Appetito

Giggi

Inizio


Risotto alle Fragole
Per 4 persone:
30 g di burro
1 confezione di fragole surgelate o una ventina di fragole fresche molto mature
8 manciate di riso
3-4 cucchiai di panna
parmigiano grattuggiato facoltativo
brodo quanto basta.
Tempo: Medio Esecuzione: Media

Trita mezza cipolla e falla imbiondire in padella con un pezzetto di burro. Lava le fragole e passale velocemente in un pò di vino bianco secco. (Nelle fragole surgelate togli l'eventuale zucchero di conservazione lasciandole qualche minuto a bagno). Fai rosolare le fragole con la cipolla a fuoco molto basso, finchè non si spappoleranno. Unisci il riso e mescola qualche minuto con una paletta di legno; innaffia quindi con un bicchiere di vino bianco secco. Lascialo evaporare, aggiungendo quindi, un mestolo alla volta, il brodo. A metà cottura sala quanto basta. Quando è cotto, togli la padella dal fuoco e unisci qualche cucchiaio di panna incorporandola bene per farla scaldare (non sul fuoco,mi raccomando!). Decora il piatto con qualche fragolone fresco. Buon appetito.

Sergio Nemec

Inizio


Risotto allo Spumante
Per 4 persone:
400 g riso per risotti (del tipo "superfino", come il Vialone o l'Arborio)
1/2 bottiglia di spumante (buono, pliz :-)
1,5 decilitri di panna
50 g burro
1/2 cipolla (piccola)
1 l brodo di carne
sale q.b.
Tempo: Medio Esecuzione: Facile

Urge ricette risotto allo champagne!

Proviamo con questa, mai provata personalmente...

Far appassire la cipolla tritata con il burro, unire il riso e farlo tostare per un paio di minuti, unire a poco a poco lo spumante (tranne un bicchiere da tenere da parte) aggiungendone via via che asciuga. Finire di cuocere il riso aggiungendo il brodo. Pochi minuti prima della fine della cottura unire l'ultimo bicchiere di spumante e la panna e far addensare terminando di cuocere il riso. Aggiustare di sale e servire.

Raimondo Spada

Inizio


Risotto con le Seppie o Totani o Calamari

Per risotti alle seppie stessa cosa della pasta. Si puo sfruttare l'acqua di bollitura come brodo per il risotto e versare il tutto (seppie sminuzzate, brodo ed il soffritto di aglio) in un unico recipiente ed a bollitura mettere il riso.Alla fine aggiungere il prezzemolo.

Franco Palombi

Inizio


Risotto Rosso al Radicchio
Per 4 persone:
320 g riso per risotti
1 bel cespo di radicchio trevigiano (diciamo 1/2 kg)
brodo (circa 1 litro)
100 g salsiccia fresca
1 cipolla piccola
olio d'oliva
1 bel bicchiere di vino rosso corposo
1 noce di burro
parmigiano grattugiato
Tempo: Medio Esecuzione: Media

Pulire il radicchio e tagliarlo a listarelle, lavarlo e sgrondarlo. Tritare la cipolla e spellare e sminuzzare la salsiccia fresca. In un tegame far soffriggere la cipolla e la salsiccia in 2 cucchiai d'olio, aggiungere il radicchio a listarelle e farlo brasare per 10 minuti. Eliminare l'acqua buttata fuori dalla verdura, aggiungere il riso e farlo cuocere per 2/3 minuti, aggiungere pian piano il vino rosso e farlo assorbire bene. Tirare a cottura aggiungendo il brodo necessario, mantecare con il burro ed il parmigiano.
La versione dietetica :-) prevede il raddoppio della dose di radicchio e l'impiego come piatto unico. Buon appetito :-)

(maledetta dieta: uno si ritrova a guardare le foto di "La Cucina Italiana" come in altri tempi :-) guardava le foto di Playboy... :-))

Raimondo Spada

Inizio


T

Taboulè
Pr 5 persone:
300 g di couscous precotto
2 peperoni rossi e gialli
1 cetriolo piccolo
1 cipolla
olive verdi
1 mazzetto di menta, prezzemolo,
3 limoni.
Tempo: Rapida Esecuzione: Facile

In una insalatiera mettere a bagno il couscous in 1/4 di litro di acqua e il succo dei limoni, mescolare con la forchetta, lasciar gonfiare il couscous per qualche minuto. Aggiungere le olive snocciolate, le verdure a cubetti, la menta e il prezzemolo tritati. Salare e lasciare in frigo per tre ore. Nota: la menta è assolutamente necessaria.

Mario Bergami

E se ti pare rapidissima, prova questa: il couscous, invece di farlo cuocere nell'acqua, fallo cuocere nel succo di pompelmo. Freddo, si intende. Lascialo dentro il succo per il tempo che lo terresti nell'acqua, poi scola il residuo di pompelmo.
Freddo, è buonissimo, ha un gusto amarognolo che ben si sposa con verdure fresche e pezzetti di carne, se vuoi.
(Ricetta tunisina)

Piergiorgio Curci

Inizio


Tagliatelle alle Trote
Ingredienti:
Qualche trota (diciamo 2 o 3 in base alle dimensioni)
pomodori pelati
aglio, peperoncino, olio di oliva,prezzemolo
tagliatelle (se fatte a mano è meglio).
Tempo: Medio Esecuzione: Media

Spellate e sfilettate le trote togliendo la lisca e le spine. Soffriggete uno spicchio di aglio schiacciato con 4 cucchiai di olio e un peperoncino (a fuoco lentissimo). Se preferite tagliate l'aglio a pezzettini e idem come sopra. Aggiungete il trito di trote ottenuto sfilettando e macinando i pesci con un tritacarne. Dopo qualche minuto quando il soffritto è imbiondito aggiungere un barattolo di pelati, prezzemolo q.b. e salate. Portare a cottura a fuoco moderato per una mezz'oretta. Lessate le tagliatelle, aggiungete il sugo e buon appetito :-) Riciao.

Ardus Doctor - Predator e Polliceverde!

Inizio


Tagliatelle Ceci e Gamberi
Per 4 persone:
gr.300 di tagliatelle
1 carota piccola
un pezzo di sedano
mezza cipolla
4 pomodori perini
1 peperoncino
gr.200 di code di gamberoni (anche surgelati vanno bene)
un cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 scatola di ceci lessati al naturale
Erba cipollina
olio extravergine di oliva
sale, pepe q.b.
Tempo: Medio Esecuzione: Media

Salve!
Ultimamente ho provato questa ricetta e la posto nel caso non la conosceste o servisse a qualcuno per una cena !
Preparazione:
Tritare minutamente la carota, la ipolla, il sedano e fare rosolare con quattro cucchiai di olio; unire i pomodori pelati e tagliati in pezzetti, il concentrato di pomodoro, il peperoncino e un pizzico di sale. Cuocere la salsa per 10 minuti, poi aggiungere i ceci sgocciolati, mescolare e continuare la cottura per altri 5 minuti.
Lessare in acqua bollente i gamberi (per 30 secondi se sono quelli surgelati), scolarli e poi sgusciarli. Unire le code di gamberoni al sugo.
Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla e condirla con la salsa e l'erba cipollina.

La ricetta risulta estremamente delicata al gusto !

Ciao a tutti:-)

Giacobina (Francesca Tarissi)

Inizio


Tagliolini agli Asparagi
Per 4 persone.
350 g di tagliolini all'uovo secchi
600 g di asparagi piccoli
una cipolla media; prezzemolo
2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
mezzo bicchiere di brodo (anche di dado)
mezzo bicchiere di latte
2 cucchiai colmi di parmigiano grattugiato
sale e pepe.
Cal: 415
Tempo: Medio Esecuzione: Facile

Un altro modo di cucinare pasta e asparagi, molto buono a mio gusto, ma legger- mente più lungo di quello di Raimondo. Ve lo mando perchè è tr i pochi primi con asparagi che NON prevede panna o burro, solo un po' di latte.
Pulire gli asparagi eliminando le parti dure. Lavateli e tagliateli a bastoncini di circa 3 cm. Mondate la cipolla a tritatela finissima insieme al prezzemolo. Scaldate l'olio in un tegame e fatevi appassire il trito preparato senza che prenda colore. Unitevi gli asparagi, mescolate, insaporite con sale e pepe e bagnate con il brodo caldo. Lasciateli cuocere per una decina di minuti (NB: anche parecchio di più se non erano del tipo fino!!) a recipiente scoperto fino a che saranno teneri e il brodo sarà evaporato. Diluite la salsa con il latte, fate riprendere il bollore quindi spegnete la fiamma. Cuocete i tagliolini lasciandoli molto al dente, quindi scolateli molto bene e fateli saltare per pochi minuti nella salsa preparata. Ritirate il tegame dal fuoco, spolverate la pasta con il formaggio grattugiato e amalgamate bene in modo che la preparazione diventi leggermente cremosa. Servite i tagliolini ben caldi.
Per questo piatto vanno molto bene anche gli asparagi selvatici che daranno alla salsa un sapore più forte e deciso.

EmmeTi

Inizio


Timballo di Mezze Penne in Crosta Dolce
Ingredienti per 4:
50 gr di grana grattugiato
400 gr di mezze penne (il mio amico mi pare usasse i rigatoni e da Fini, a Modena, io l'ho mangiata con i tortellini)
100 gr di prosciutto crudo
100 gr di salsiccia
4 fegatini di pollo
mezzo litro di besciamella
50 gr di funghi secchi
70 gr di burro
1 cucchiaino di fecola
3 dadi di brodo al sapore di carne
1 confezione di pasta frolla surgelata (ma se la fate fresca è meglio ;-))
1 uovo.

T: 1.10
Tempo: Lungo Esecuzione:
 Media

A proposito di zucchero, avete mai provato i rigatoni (ma da Fini di Modena l'ho mangiata anche ripiena di tortellini) conditi in besciamella, fegatini, prosciutti e varie, in crosta di pasta frolla (dolce)? Per me che adoro i contrasti dolce-salato sono una vera bontà. Se a qualcuno interessa chiedo la ricetta al mio amico milanese, che ce li fa almeno una volta l'anno. Sempre a questo proposito a casa ho provato la versione "Ada Boni" che sembra direttamente una ricetta rinascimentale :-)) Infatti al posto della besciamella si mette la crema pasticcera.
Il tutto però ammazza un pò il famoso contrasto; io preferisco l'altra versione Bye!

In realta' questa versione non me l'ha data il mio amico, che ne frattempo e' preso da vari guai, ma l'ho rimediata altrimenti. Gli ingredienti mi sembrano gli stessi.....
Scongelate per tempo la pasta frolla. Mettete a mollo i funghi in acqua tiepida per un'ora. Nel frattempo pulite i fegatini dalla parte verdastra che contiene il fiele, lavateli sotto l'acqua corrente, asciugateli e tagliateli a pezzi. Soffriggete nel burro il prosciutto tagliato a dadini e la salsiccia sbriciolata, unitevi i fegatini tritati e i funghi strizzati tritati. Fate insaporire per 10 minuti. poi versate la panna e la fecola. Cuocete ancora per 15 minuti poi spegnete. Lessate le mezze penne in abbondante acqua con i dadi, scolate la pasta al dente e conditela con la salsa preparata. Con la pasta frolla scongelata formate una pagnotta e poi dividetela in due parti. Con quella pił grossa stendete una sfoglia abbastanza grande da foderare il fondo e le pareti di uno stampo imburrato. Poi versatevi le mezze penne condite e spolverizzate con il grana. Stendete sopra il ripieno la pasta rimasta e con essa chiudete il tortino decorando con i ritagli. Spennellate la superficie con l'uovo sbattuto e cuocete in forno caldo a 180 gradi per 45 minuti.

EmmeTi

Inizio


Tortelli alle Erbe
Ingredienti:
Tortelli ai funghi
formaggio alle erbe
panna
Tempo: Rapida Esecuzione: Media

Occorrono innanzitutto dei tortelli freschi ai funghi, ossia dei tortellini il cui ripieno sia a base di funghi. Alcuni "pastaiuoli" ce l'hanno. In mancanza di questi si può sempre usare tortellini normali, nel qual caso occorrerà semplicemente cambiare il nome della ricetta in "tortelli normali alle erbe". Mentre i suddetti cuociono in acqua salata (o, per insistere in un buon brodo di dado, magari ai funghi anch'esso), fondete in una padellina un certo quantitativo di formaggio alle erbe (è una specie di mascarpone con aggiunta di frattaglie di origine vegetale) aggiungendo della panna da cucina fino ad ottenere una salsa abbastanza cremosa (mantenetela in caldo...). Scolate i tortelli, avendo l'accortezza di lasciarli abbastanza umidi, e mischiate il tutto aggiungendo una manciata di parmigiano grattugiato. Mangiarne molti!!!!

adp

Inizio


Tortelli Fritti
Ingredienti:
Per la pasta
farina
burro fuso
lievito diluito in acqua
uovo
sale
latte
Per condire
sugo di pomodoro
mozarella o parmigiano
Tempo: Lungo Esecuzione: Media

Impastare il tutto e far lievitare per 3 ore. Fare dei tortelli e friggerli in abbondante olio (che io preferisco d'oliva). Sui tortelli caldi mettere una/due cucchiaiate di salsa di pomodoro e formaggio di tipo a piacere (mozzarella avendola altrimenti vanno bene anche le sottilette o il parmigiano). Volendo variare si possono aggiungere filetti d'acciuga e foglie di basilico. Da mangiare ben caldi, mi raccomando.

KOALApizzardo

Inizio

Tortelloni Panna ed Asparagi
Ingredienti:
asparagi (di quelli grossi)
tortelloni ricotta e spinaci
panna
parmigiano
Tempo: BreveEsecuzione: Facile

Veloce, veramente *veloce* e niente male, a mio avviso :-)

Mettere a bollire l'acqua ed intanto pulire degli asparagi (di quelli grossi), tagliarli a tocchetti e buttarli nell'acqua bollente salata. Dopo qualche minuto aggiungere dei tortelloni (ho usato quelli alla ricotta e spinaci), ed intanto mettere un po' di panna in una padella. Scolare pasta ed asparagi e mantecare in padella con un po' di parmigiano.
Mezz'ora in tutto, non di più, eppure il risultato non sembra nemmeno qualcosa cucinato da me :-)

Raimondo