IL PARCO DIDATTICO DI NAZZANO


In prossimità del paese di Nazzano, a circa 45 chilometri da Roma, il Parco Didattico è facilmente raggiungibile percorrendo l'Autostrada Roma-Firenze (uscita di Fiano Romano) oppure la Via Tiberina. Al Parco Didattico si accede dall'area di parcheggio situata all'altezza del km 31 della Via Tiberina, da dove una strada asfaltata scende verso la Foresteria, oppure arrivati al paese di Nazzano, scendendo verso il Tevere fino a raggiungere il Centro Visite. Il Parco, gestito dalla Cooperativa La Montagna di Roma promuove programmi di ricerca ed educazione ambientale ed offre servizi di accoglienza turistica, documentazione e visite guidate lungo i percorsi natura del Parco stesso e della Riserva Tevere Farfa.


LA STORIA

Immagine del parco #1

Nella prima metà degli anni '70, l'area umida creata dallo sbarramento della centrale idroelettrica di Nazzano, pochi chilometri a nord di Roma, veniva identificata come "Oasi di protezione faunistica" e classificata come biotopo di importanza internazionale secondo la Convenzione di Ramsar, sulla salvaguardia delle aree umide.

Nel 1977 nacque la Riserva Naturale Regionale Tevere Farfa, come primo risultato concreto del Piano Parchi elaborato dalla Regione Lazio. All'inizio degli anni '80, sulla spinta di un nuovo e più profondo interesse per la natura e per le attività all'aria aperta, l' Ufficio Parchi del Servizio Studi del Settore Ambiente della Provincia di Roma promosse il progetto del Parco Didattico di Nazzano, che aveva l'obiettivo di divenire un osservatorio naturale a disposizione dei cittadini e delle scuole.

Il Parco Didattico, completati i restauri delle strutture, tranne l'ostello, nel 1990, ha oggi anche l'ambizione di essere il punto di partenza per la realizzazione di un indotto economico significativo, incentrato sull'ambiente, sull'importanza dei centri minori, sulla cultura tradizionale. Nel 1994 è stato inaugurato presso il Centro Visite un Museo Demoantropologico incentrato sulle attività e la cultura tradizionali del luogo, a cura dei Settori Cultura e Ambiente della Provicincia.

La zona ha le carte in regola: a Nazzano esistono una Riserva Naturale di grande interesse, un Parco Didattico attrezzato con un Centro Visite ed una foresteria in grado di ospitare 30 persone, un Ostello moderno, funzionale ed ideale per attività didattiche, seminari, mostre o semplici vacanze in un ambiente particolare.

Immagine del parco #2

Il Parco Didattico offre molto più che un semplice museo: percorsi guidati conducono l'ospite a conoscere strumenti di misurazione (meteorologica, fisica, chimica...) e all'incontro con le particolarità biologiche della zona umida dell'ansa del Tevere.

Interattività è per noi la parola chiave: è meglio fare che guardare, ed in questa situazione è più facile trasmettere metodi e concetti e stimolare interesse in un pubblico di tutte le età. Prima tappa per i visitatori è il Centro Visite, dove una proiezione illustra le particolarità dell'area, per poi percorrere un itinerario che, in circa tre ore, tocca i vari luoghi chiave del Parco Didattico e della riserva.

Lungo il percorso, che si snoda lungo uno dei tratti più suggestivi della Valle del Tevere, sono previste varie soste per l'osservazione ed il rilevamento dei dati ambientali. Ai partecipanti verranno consegnate delle schede-guida all'osservazione, corredate di tabelle per le annotazioni, oltre che binocoli per l'osservazione dell'avifauna e kit colorimetrici per le misurazioni dei parametri ambientali più significativi. La visita ha termine presso la Foresteria del Parco Didattico con un pranzo a base di prodotti biologici ed un breve chiacchierata sul programma e sulla vista appena svolta.


Per informazioni:

Per avere informazioni puoi mandarci un messaggio


Torna alla Home Page