* INFORM *

INFORM - N. 249 - 30 dicembre 2003

Ordine del giorno del Consiglio regionale lombardo sulla vicenda argentina: una dichiarazione di Daniele Marconcini

MILANO - "Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato all'unanimità, il 16 dicembre scorso, un ordine del giorno che rappresenta un importante elemento di consapevolezza sulle difficoltà che stanno vivendo le nostre comunità all'estero, soprattutto in Argentina". Lo ha ricordato Daniele Marconcini, rappresentante del Consiglio regionale nella Consulta dell'emigrazione lombarda e presidente dell’Associazione Mantovani nel Mondo, osservando che si tratta di "un importante atto politico, coerente con la recente presa di posizione della Consulta dell'Emigrazione presieduta dal presidente delegato Marcello Raimondi e con gli impegni assunti dalla delegazione regionale guidata dal presidente del Consiglio regionale Attilio Fontana, assieme alla vice presidente Fiorenza Bassoli e al consigliere Enzo Lucchini. Impegni che dovranno assumere concretezza in tempi rapidi, favorendo anche la predisposizione della nuova legge sui Lombardi nel Mondo".

Il documento iniziale, preparato dai Consiglieri regionali di minoranza Marco Tam, Fiorenza Bassoli e Carlo Porcari del gruppo Ds, grazie ad un accordo con la maggioranza è sfociato in un ordine del giorno unitario di tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale.

L'ordine del giorno ribadisce il ruolo delle comunità di origine italiana nel mondo come "una rete di riferimenti di grande valore strategico per la proiezione internazionale dell'Italia" in grado di "offrire alla politica e alla cultura italiana gli elementi essenziali per una fondata elaborazione critica e per la definizione di politiche di cooperazione di sviluppo, essendo le stesse per loro collocazione geografica e storica inserite all'interno di tutte le contraddizioni della globalizzazione".

Considerato che "segnali di grave preoccupazione arrivano in particolare dall'Argentina dalla comunità di emigrati italiani che stanno sperimentando la durissima crisi economica che non consente lro di neppure di coprire i costi delle spese sanitarie soprattutto per anziani e minori"; preso atto che "la delegazione del Consiglio regionale nel mese di novembre ha verificato direttamente lo stato di disagio degli emigrati italiani incontrando i rappresentanti della Federazione delle Associazioni lombarde in Argentina", il Consiglio regionale chiede alla Giunta, "in previsione della necessaria e sempre più urgente riforma delle normative regionali in materia di sostegno all'emigrazione italiana, di provvedere agli interventi più urgenti relativi alle cure sanitarie già rilevate e segnalate dalle Associazioni Lombarde a favore degli emigrati lombardi in Argentina". (Inform)


Vai a: