* INFORM *

INFORM - N. 240 - 17 dicembre 2003

Dopo la riunione della Consulta dei Veneti nel mondo un convegno sullo statuto veneto e il diritto di voto

BELLUNO - Come annunciato si è riunita a Padova lo scorso 12 dicembre la Consulta dei Veneti del Mondo, l’organo consultivo previsto dalla legge regionale n. 2/2003 in materia di emigrazione cui fa parte anche l’Associazione Bellunesi nel Mondo. I lavori sono stati aperti da una lunga relazione dell’assessore regionale all’emigrazione Raffaele Zanon, il quale si è soffermato sui contenuti e sugli obiettivi del programma triennale 2003-2006, allargando poi il discorso alla sempre più importante realtà dei Veneti del mondo, da cui la politica regionale non può più prescindere, e che costituiscono parte viva di quel "terzo Veneto" che si pone come una della realtà più vivaci e sviluppate nel panorama mondiale. La riunione ha visto gli interventi di tutti i componenti la Consulta, in particolare di quelli che rappresentano le Federazioni Venete all’estero e le rispettive comunità, delle quali hanno espresso problemi, bisogni, richieste. La Consulta ha poi provveduto alla elezione del suo vice presidente nella persona del dr. Riccardo Merlo, del CAVA (Comitato delle Associazioni Venete d’Argentina) e all’approvazione del programma 2004, sul quale, peraltro, l’Assessore intende consultarsi successivamente con le Associazioni dell’emigrazione, con cui sarà concordata l’entità dei singoli interventi.

Sempre a Padova, il 13 dicembre scorso, un interessante convegno ha espresso le istanze della realtà veneta all’estero per il prossimo statuto regionale. Dopo le parole dell’assessore regionale all’emigrazione Zanon che ha illustrato e sostenuto con passione la grande ricchezza dei nostri corregionali all’estero che chiedono di partecipare alla vita politica della Regione e quelle del consigliere regionale Tesserin, presidente della Commissione per lo Statuto, che si è soffermato su alcune linee-guida della prossima carta costituzionale della Regione, il presidente dell’ABM Bratti ha riassunto le richieste che in proposito provengono da mondo dell’emigrazione veneta: riconoscimento del diritto dei veneti all’estero di essere considerati cittadini a pieno titolo, sostegno dell’Associazionismo in emigrazione, concessione del diritto di voto attivo e passivo, rappresentanza adeguata (almeno quattro membri) in Consiglio regionale.

Il Convegno si è chiuso con la consegna di targhe e diplomi da parte dell’Assessore Zanon ad Enti e persone che hanno collaborato all’iniziativa SOS Argentina, di cui sono stati illustrati i risultati. Tra di loro anche l’ABM. (Inform)


Vai a: