* INFORM *

INFORM - N. 237 - 14 dicembre 2003

Accolta a Montevideo dall’Ambasciatore Malfatti di Monte Tretto la delegazione italiana guidata da Mirko Tremaglia

Gli appunti di viaggio del Ministro per gli Italiani nel Mondo

MONTEVIDEO - (Dal nostro inviato) - Dopo un viaggio di molte ore il Ministro per gli Italiani nel Mondo Mirho Tremaglia è approdato in Uruguay presso l’Aeroporto Internazionale di Carrasco. Con Tremaglia, che è accompagnato dalla consorte, è giunta a Montevideo una delegazione formata da funzionari del Ministero degli Affari Esteri, dallo staff del Ministero per gli Italiani nel Mondo e da alcuni giornalisti, nella quale spiccavano le presenze di Adriano Benedetti, Direttore Generale per gli Italiani all’Estero del MAE, e del Presidente della Commissione Informazione del CGIE Bruno Zoratto. Al suo arrivo il Ministro, che ha ricevuto anche l’omaggio dei rappresentanti del "Comitato Tricolore", è stato accolto dall’Ambasciatore d’Italia in Uruguay Giorgio Malfatti di Monte Tretto, dal Console Michele Pala e dal Primo Segretario d’Ambasciata Carlo Romeo.

Un viaggio denso di incontri, quello intrapreso da Tremaglia, che lo porterà sia a contatto con le massime autorità politiche dell’Uruguay - il Ministro incontrerà il Presidente della Repubblica Jorge Batlle, i Presidenti di Camera e Senato, il Sindaco di Montevideo Mariano Arana - sia con i principali esponenti della comunità italiana. Tra le realtà umane e culturali della nostre comunità in Uruguay figura l’Ospedale Italiano Umberto I. Una struttura in piena crisi economica che nonostante gli sforzi della collettività italiana rischia di scomparire. Questione, quest’ultima, sulla quale il Ministro, nel corso di un colloquio con i giornalisti svoltosi a bordo dell'aereo, ha espresso grande preoccupazione sottolineando la necessità di approntare ogni sforzo per scongiurare questa chiusura.

Parlando con i giornalisti Tremaglia ha anche sostenuto che il Movimento Sociale Italiano ha avuto profonde radici democratiche e che questo partito ha lasciato in eredità ad Alleanza Nazionale la fiamma tricolore che ne caratterizza il simbolo. Ha inoltre ribadito la validità della sua iniziativa volta alla costruzione, in vista delle elezioni politiche, di una lista civica degli italiani all’estero. Un’opportunità di rappresentanza per il mondo dell’associazionismo e per tutti i settori civili della variegata galassia dell’emigrazione italiana che, secondo Tremaglia, trova presso le nostre comunità un ampio consenso e dovrebbe portare alla creazione di un apposito gruppo parlamentare. Un gruppo compatto, eletto dai nostri connazionali nel mondo, che - ha ribadito Tremaglia - potrà tutelare con maggiore efficacia, avendo superato l’influenza partitica, i diritti dei nostri connazionali all’estero.

Sul piano dei rapporti internazionali, il Ministro ha sottolineato ancora una volta l’importanza di stabilire una stretta collaborazione, una vera e propria alleanza tra l’Unione Europea e il Mercosur, in particolare con Argentina, Brasile e Uruguay dove vivono forti comunità provenienti non solo dall’Italia, dalla Spagna e dal Portogallo ma anche da altri Paesi europei.

Per quanto concerne invece l’annullamento del suo viaggio in Argentina a causa di minacce del terrorismo internazionale, Tremaglia ha espresso tutto il suo rammarico, in quanto l’iniziativa prevedeva numerosi incontri con le collettività italiane che vivono nel grande paese latinoamericano, ed ha ribadito la sua ferma volontà di effettuare un nuovo viaggio che gli consenta d’incontrare gli italiani di Argentina. Due comunità, quelle residenti in Uruguay e in Argentina, che hanno sempre avuto per il Ministro Tremaglia una grande valenza affettiva. Ne 1998, quando il Parlamento bocciò a sorpresa, non essendo stato raggiunto il quorum necessario, l’ennesimo passaggio della legge sull’esercizio del voto, solo la grande voglia di italianità di queste collettività diede al futuro Ministro per gli Italiani nel mondo la forza e il coraggio di riprendere la battaglia che ha portato negli anni successivi alla storica conquista della circoscrizione Estero. (Goffredo Morgia-Inform)


Vai a: