* INFORM *

INFORM - N. 228 - 2 dicembre 2003

A Vancouver la VI edizione del Film Festival dell’Unione Europea

VANCOUVER - Si è inaugurata lo scorso 25 novembre, sotto Presidenza italiana, la VI edizione del Film Festival dell'Unione Europea, festival che si tiene ogni anno sia ad Ottawa che a Vancouver. Con la partecipazione delle Rappresentanze dei paesi mmbri e di prossima accessione all’UE, l’edizione 2003 del Festival, che chiuderà i battenti l’8 dicembre, è la più vasta mai organizzata a Vancouver. Ai film dei 15 paesi membri si aggiungono infatti quelli dei 10 paesi in via di adesione, con scuole cinematografiche di primo rilievo come quella polacca, ceca, ungherese, etc. . Solo due dei dieci nuovi paesi (Malta e la Lituania) non erano presenti con un proprio film al Festival di Vancouver.

Organizzata dal Paese di Presidenza UE, qui rappresentato dal Consolato Generale e dall'Istituto Italiano di Cultura, insieme alla nostra Ambasciata ad Ottawa ed ai partners europei ed alla Delegazione della Commissione Europea, con la collaborazione della Pacific Cinematheque e dell'Institute of European Studies della University of British Columbia, questa edizione del Festival, oltre all’impegno della presidenza, alla partecipazione di numerosi sponsors, in particolare italiani (tra essi l’ENIT, presente alla manifestazione con uno stand di materiale turistico che ha ricevuto molta attenzione da parte del pubblico, l’ICE, la Regione Piemonte - che ha contribuito con una promozione del cioccolato piemontese, alla presenza di un funzionario del Centro Estero delle Camere di Commercio Piemontesi e di un simpatico chef di Toronto tifoso del Torino FC appositamente venuto per preparare pietanze tipiche -, la Regione Emilia-Romagna, l'Alitalia, che ha offerto due biglietti per un soggiorno nel BelPaese) e numerosi imprenditori italo-canadesi, che hanno messo in rilievo la comunità italiana qui residente.

Circa 300 gli invitati che hanno partecipato alla serata inaugurale, che univa alla proiezione del film italiano "A cavallo della tigre" di Carlo Mazzacurati un ricevimento presso la prestigiosa Vancouver Art Gallery, ove era accessibile agli invitati una mostra di disegni e dipinti di Marc Chagall.

Nel discorso di apertura il Console Generale Giorgio Visetti ha ringraziato tutti per la coolaborazione e sottolineato il valore aggiunto che la collaborazione nell’ambito dell’Unione Europea porta ai paesi e cittadini dell’Unione Europea nella versione allargata, soffermandosi sul significato profondo della convivenza fra comunità culturalmente diverse, ma che si riconoscono tutte nei comuni valori dell'Europa, similmente a quanto accade in Canada, ove il multiculturalismo e il rispetto della diversita' culturale sono elementi costitutivi della società. Al discorso del Console Generale hanno fatto seguito gli interventi di Jim Sinclair, direttore della Pacific Cinematheque, che ha brevemente presentato le caratteristiche salienti dei 23 film inclusi nel Festival di quest'anno, e del prof. Frank Unger, dell'Institute of European Studies della University of British Columbia, che ha avanzato alcune riflessioni sul significato dell'allargamento dell'Europa . (Inform)


Vai a: