* INFORM *

INFORM - N. 225 - 27 novembre 2003

L’Italia vista dalla Russia, la Russia vista dall’Italia: convegno Eurispes

ROMA - "L’Italia vista dalla Russia, la Russia vista dall’Italia", è questo il titolo del convegno che si terrà lunedì 1 dicembre 2003 alla Scuola superiore dell’Economia e delle Finanze di Roma. Organizzato dall’Eurispes e dalla stessa Scuola, in occasione della visita in Italia di una delegazione russa, composta dai massimi esperti nei settori di competenza: politico-istituzionale, economico, sociale, l’incontro si pone come obiettivo il confronto dei processi di trasformazione e di sviluppo in atto nei due Paesi.

La visita della delegazione russa in Italia servirà a comprendere meglio le profonde trasformazioni in atto in quel Paese sul piano istituzionale, politico ed economico.

Saranno approfondite, in particolare, le questioni che stanno emergendo nel corso dell’attuale campagna elettorale per l’elezione del presidente, la situazione della cosiddetta "Russia sconosciuta", i rapporti che le singole regioni, soprattutto quelle della Russia meridionale che intendono in primo luogo sviluppare intersambi con le regioni italiane. A questo riguardo è significativa la presenza nella delegazione russa del Primo rettore dell’Università statale di Kuban, sul Mar Nero.

Un altro aspetto importante riguarda le anticipazioni circa il rapporto sull’Italia che l’Istituto per l’Europa dell’Accademia delle Scienze di Russia sta predisponendo e che uscirà nel corso del 2004. E’ questo uno dei principali punti di riferimento per comprendere come i russi osservano e valutano la situazione italiana.

In occasione della visita, che ha preso le mosse da una convenzione firmata a Mosca dall’Eurispes con l’Accademia delle Scienze, è stata realizzata una rete italiana di collaborazione fra istituti molto qualificati: Scuola superiore dell’Economia e delle Finanze, Link Campus University of Malta, Scuola Jean Monnet per l’Alta formazione europea della II Università di Napoli. Fra queste istituzioni e quelle russe saranno siglate nel corso della visita della delegazione russa in Italia ulteriori convenzioni per allargare l’area degli scambi culturali e delle attività di ricerca.

La delegazione russa e i rappresentanti delle istituzioni italiane, oltre che dal ministro dei Beni culturali del Governo italiano, Giuliano Urbani, saranno ricevuti dalle massime autorità del Parlamento europeo: il presidente Pat Cox, il vicepresidente Guido Podestà, il presidente della Commissione cultura, Giuseppe Gargani. (Inform)

Vai a: