* INFORM *

INFORM - N. 223 - 25 novembre 2003

Della Martina (CGIE): - In Sud Africa è a rischio Radio International

DURBAN - La convenzione tra Rai International e DSTV, il fornitore del servizio satellitare in Sudafrica, termina a gennaio del 2004. Esiste il pericolo che tale convenzione non venga rinnovata e che la trasmissione di Rai International venga soppressa.

E’ quanto afferma Lorenzo Della Martina, Presidente del Comites KZN e Consigliere del CGIE per il Sudafrica, in una "lettera aperta" al Direttore e al Vice Direttore di Rai International e al Presidente della Commissione Informazione e Comunicazione del CGIE Bruno Magliaro.

Causa della soppressione l'esiguo numero di utenti del canale italiano. Alcuni parlano di 2.000 utenti italiani, altri di 4.000. Noi riteniamo - spiega Della Martina - che siano molti di più e non solo italiani. E` difficile conoscere il numero esatto perché l'abbonamento si effettua per l'intero pacchetto DSTV che comprende una vasta gamma di canali, non solo quello italiano. Stiamo attualmente conducendo un'indagine esplorativa al riguardo, per cercare di stabilire un risultato numerico più realistico.Tuttavia, a prescindere dal numero di utenti, bisogna considerare che sono molti gli anziani, i bisognosi e i malati italiani e italo-sudafricani che riescono con sacrificio a pagare il costoso abbonamento e trascorrono le giornate seduti davanti al televisore guardando Rai International. Anche se, a giudizio di molti, i programmi offerti sono di scarso valore, il canale italiano tiene compagnia soprattutto alle suddette persone ed e` sicuramente "meglio di niente".

Gentili dott. Magliaro e Ing. Lionetti – conclude l’esponente del CGIE rivolgendosi al Direttore e al Vice Direttore di Rai International - , la comunità italiana e italo-sudafricana chiedono a voi e allo Stato Italiano di pensare anche al valore sociale e affettivo rappresentato dalla TV italiana per chi vive all'estero e vi chiedono pertanto di rinnovare il contratto tra Rai International e DSTV alla fine di gennaio 2004. (Inform)


Vai a: