* INFORM *

INFORM - N. 223 - 25 novembre 2003

Conclusa la visita di giornalisti della stampa italiana all’estero in Friuli-Venezia Giulia

TRIESTE - Il Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia, Riccardo Illy, ha accolto con entusiasmo la proposta di scegliere Trieste quale sede della "Associazione per la comunicazione con gli Italiani nel mondo". L'idea - che è stata lanciata assieme ad un concorso e ad un programma di stage formativi, nell'ambito della cerimonia di chiusura di "Friuli-Venezia Giulia nel mondo" - sancisce la validità di un'iniziativa, avviata nella precedente legislatura e realizzata dall'attuale Governo regionale, che ha portato in regione un gruppo di giornalisti e direttori di testate italiane in Brasile, Spagna, Francia, Germania, Russia, Turchia, Canada, Australia, Argentina.

Ma non basta. Essa segna infatti anche una sorta di svolta nell'ambito dell'associazionismo rivolto ai nostri corregionali all'estero di cui, come ha rilevato Illy, va "aiutata la trasformazione in agenzie di formazione culturale anche attraverso l'utilizzo degli strumenti d'informazione e comunicazione tecnologicamente più avanzati". A tale proposito, Illy ha ricordato l'evoluzione del sito Internet della Regione (www.regione.fvg.it), che già garantisce, a livello internazionale, un importante servizio di informazione istituzionale e che tra qualche mese sarà in grado di trasmettere filmati e documentari realizzati dal Centro televisivo della Regione.

Ai giornalisti che hanno partecipato al progetto e che il Presidente della Camera di Commercio, Antonio Paletti, ha invitato a sostenere "la candidatura di Trieste per l'Expo 2008", Riccardo Illy ha ricordato il ruolo del Friuli-Venezia Giulia di "territorio spartiacque" all'interno del contesto europeo per la sua multiculturalità, il plurilinguismo e la multireligiosità. "Qui - ha detto Illy - si è sviluppato un modello di convivenza ad integrazione conservativa, che costituisce un costante fattore di arricchimento per la nostra regione e che noi utilizziamo anche nelle nostre relazioni internazionali".

Con Illy, che ha portato ai presenti i saluti della Conferenza nazionale dei presidenti delle Regioni e Province autonome italiane, ha partecipato all'incontro il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Tesini che ai giornalisti ha detto: "Spero ritorniate nei vostri Paesi con una buona opinione della nostra regione e con informazioni in più che possano aiutare il vostro e nostro lavoro". "Per quanto concerne l'emigrazione e l'associazionismo rivolto agli corregionali all'estero la nostra legislazione è stata all'avanguardia - ha detto ancora Tesini - ma oggi necessita di adeguamenti che tengano conto delle esigenze delle generazioni future".

Alla cerimonia di chiusura di lunedì 24 novembre, che è stata moderata dal segretario della Federazione Unitaria della Stampa Italiana all'estero Giuseppe della Noce, sono intervenuti tra gli altri il presidente dell'Ordine nazionale dei giornalisti Lorenzo del Boca, Laura Capuzzo consigliere nazionale dell'Ordine e coordinatrice del Gruppo di lavoro "Giornalisti italiani nel mondo", Bruno Zoratto presidente della Commissione Informazione del CGIE e Mauro Montanari, direttore del "Corriere d'Italia" di Francoforte, che ha presentato il documento redatto dai giornalisti a conclusione della loro esperienza in Friuli-Venezia Giulia in cui si evidenzia "l'importanza della comunicazione per la diffusione all'estero dell'immagine dell'Italia, delle regioni, delle città e del patrimonio culturale italiano" (Luciana Versi Zambonelli- ARC/Inform)


Vai a: