* INFORM *

INFORM - N. 217 - 17 novembre 2003

Strage di Nassiriya: il cordoglio del CTIM New England-Boston

BOSTON - Un messaggio di cordoglio "per l’efferato attentato alla missione di pace in Iraq" è stato inviato dal presidente Michele Frattallone a nome della delegazione del New England-Boston del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo. "Una giornata di lutto nazionale che investe tutta l'Italia e tutti gli italiani nel mondo - scrive Frattallone -. Il mio primo doveroso pensiero alle famiglie di coloro che erano impegnati per la nobile missione di pace e sono stati barbaramente colpiti".

"L'abnegazione di persone umane in divisa militare, ma dotate di alto senso umanitario e di solidarietà, contribuisce giorno dopo giorno alla restaurazione della pace in più parti del pianeta. Noi italiani siamo fieri e orgogliosi per l’inconfondibile comportamento che li contraddistingue e per la loro generosità. Oggi l'Italia piange i suoi figli migliori, caduti per servire la patria anche fuori dai confini nazionali. Il terrorismo è senza anima ed è irrazionale, ha seminato soltanto odio e ha un codice diabolico, quello di destabilizzare tutto ciò che è legittimo; è il vero flagello per tutta l'umanità".

In questo tragico scenario - conclude Frattallone - "c’è sempre la speranza di una possibile soluzione: aiutare a far risorgere il popolo iracheno con l'ausilio delle Nazioni Unite, affinché si conquisti la pace in quella parte del Medio Oriente, tanto provata e martoriata. Arduo è il cammino, ma uniti si può debellare il terrorismo e offrire a quelle popolazioni la cosa più desiderata e preziosa, la libertà e poter pronunciare la parola Pace". (Inform)


Vai a: