* INFORM *

INFORM - N. 216 - 14 novembre 2003

Messaggio di Frattini al personale italiano operante in Iraq

"Un contributo insostituibile all'azione di pacificazione e ricostruzione del paese"

ROMA - Il Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini ha inviato al personale italiano operante in Iraq un messaggio in cui ha ricordato come l'Italia abbia "pagato ieri in Iraq un terribile tributo di sangue che non ha escluso il personale civile. In Iraq infatti oltre ai nostri valorosi militari sono presenti numerosi operatori civili, che, con diversi compiti, forniscono un contributo insostituibile all'azione di pacificazione e ricostruzione del paese".

"In questo momento così difficile e doloroso - ha proseguito il Ministro Frattini - a loro va il nostro sincero apprezzamento e profondo riconoscimento per il coraggio dimostrato nel volersi così valorosamente dedicare a tenere alta la tradizione umanitaria dell'Italia, esponendosi in prima persona a rischi di cui sono ben consapevoli. Questa speranza non è venuta meno con l'efferato attentato contro la sede dei carabinieri a Nassiriya in cui hanno trovato la morte il dottor Marco Beci, esperto inviato dalla cooperazione italiana e Stefano Rolla, un regista impegnato in un documentario che intendeva divulgare al pubblico gli obiettivi della missione "Antica Babilonia". Alle loro famiglie e ai loro colleghi ho espresso il più profondo cordoglio, mio personale, del Ministero degli Esteri e del Governo italiano". (Inform)


Vai a: