* INFORM *

INFORM - N. 206 - 31 ottobre 2003

Le "Ville d’Italia" protagoniste a Bruxelles. In mostra alle Halles Saint Géry, le ville venete, tuscolane e vesuviane

BRUXELLES - Le "Ville d’Italia" sono protagoniste di una ampia esposizione allestita dal 5 novembre al 31 dicembre nelle Halles Saint Géry (Place Saint Géry) a Bruxelles. Qui sono presentate splendide immagini fotografiche, spesso d’autore, e altre testimonianze delle più belle residenze di campagna tra Quattrocento e Settecento, disseminate tra Veneto e Friuli, nella Campagna Romana e lungo la costa vesuviana del Golfo di Napoli.

La mostra che le presenta al pubblico belga e internazionale è promossa dall’Istituto Regionale Ville Venete, per la Regione Veneto, dall’Istituto Regionale Ville Tuscolane, per la Regione Lazio, e dall’Ente per le Ville Vesuviane, per la Regione Campania. L’esposizione gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, delle tre Regioni e della collaborazione dell’Enit.

La presentazione a Bruxelles, in concomitanza con il semestre Italiano, dei capolavori architettonici rappresentati dalle ville venete, tuscolane e vesuviane, non ha solo un contenuto turistico o di promozione culturale. L’intento delle tre istituzioni organizzatrici è, infatti, soprattutto quello di sollecitare, a livello comunitario, un concreto interesse nei confronti della tutela, conservazione e valorizzazione di un patrimonio immenso e straordinariamente importante: nei soli ambiti territoriali delle tre istituzioni, sono state censite più di 5 mila dimore di interesse storico ed artistico aventi caratteristiche di "Villa".

La mostra di Bruxelles costituisce un ulteriore tassello di una rete di rapporti che sta diventando sempre più concreta tra le "Ville d’Italia" e le realtà che gestiscono o si occupano di beni monumentali analoghi nei diversi Paesi europei. Una rete che, come si è già verificato in Italia, possa stimolare il governo comunitario a riservare maggiori attenzioni e risorse a questo immenso, eccezionale tesoro le cui potenzialità sono, almeno in Italia, solo in parte valorizzate.

Istituto Regionale Ville Venete, Istituto Regionale Ville Tuscolane e Ente per le Ville Vesuviane hanno, proprio per mettere insieme forze e strategie, sottoscritto poco più di un anno fa un apposito protocollo di intesa. L’accordo prevede una serie di interventi comuni a livello nazionale e comunitario per portare a conoscenza dell’opinione pubblica, dei governi regionali, di quello nazionale e europeo, l’urgenza di adottare soluzioni che consentano ai privati ed enti pubblici possessori di prestigiosi immobili storici di far fronte agli altissimi costi di restauro e di manutenzione attraverso strumenti di sostegno finanziario e fiscale. (Inform)


Vai a: