* INFORM *

INFORM - N. 195 - 16 ottobre 2003

Elezioni dei Comites: una dichiarazione dell’on. Calzolaio (Ds)

ROMA - " Il disegno di legge di conversione del decreto di ulteriore rinvio dell’elezione dei Comites, che la maggioranza ha approvato alla Camera, è l’ennesima dimostrazione dei ritardi e delle inadempienze che il Governo ha accumulato verso gli italiani all’estero", ha dichiarato l’on. Valerio Calzolaio (Ds), presentatore di numerosi emendamenti che sono stati tutti sistematicamente respinti.

"I Comites - ha proseguito - potevano essere regolarmente rinnovati entro la loro scadenza naturale con la riforma approvata se il Governo non avesse fatto perdere tempo al Parlamento con i suoi ritardi e con le sue beghe interne, dovendo ricorrere poi a ben due decreti legge di rinvio.

La riforma degli organismi di rappresentanza di base degli italiani all’estero, per altro, non risponde alle attese delle nostre comunità e non soddisfa l’esigenza di avere una rappresentanza autonoma, forte ed efficace, come non solo noi ma per tre volte ha detto il Consiglio Generale degli Italiani all’estero e come hanno ribadito numerosi rappresentanti degli stessi Comites.

Poiché si passa al voto per corrispondenza, abbiamo anche chiesto garanzie sull’avanzamento nella preparazione dell’elenco unico aggiornato degli elettori, ma nessuno è stato in grado di darcele. Il rischio, dunque, è quello che ci si trovi di fronte ad un altro disastro come quello verificatosi in occasione del recente referendum, quando oltre ottocentomila elettori non sono nemmeno riusciti ad avere il plico con la scheda elettorale.

Nell’occasione, abbiamo chiesto anche un impegno di continuità per i 384 contrattisti, che stanno svolgendo un lavoro indispensabile ai fini della bonifica dell’AIRE, contrattisti che sono spesso utilizzati per coprire le lacune strutturali dei consolati".

"Debbo segnalare, infine - ha concluso Calzolaio -, l’impegno manifestato nell’occasione non solo dai Ds, per i quali sono intervenuti, oltre al sottoscritto, gli onorevoli Spini, Innocenti, Folena, Cordoni e Leoni, ma anche da altri rappresentanti del Centrosinistra (Bianchi, Bressa e Mantovani), che hanno testimoniato il successo degli incontri che l’Ulivo ha realizzato in tutto il mondo ed hanno dato prova della lealtà degli impegni assunti dai loro rappresentanti verso le comunità italiane". (Inform)


Vai a: