* INFORM *

INFORM - N. 185 - 3 ottobre 2003

I pensionati insieme ai lavoratori a Roma alla manifestazione della Ces

ROMA - I pensionati italiani ed europei partecipano numerosi alla manifestazione del 4 ottobre a Roma, indetta dalla Ces (Confederazione europea dei sindacati) in collaborazione con Cgil, Cisl e Uil.

I pensionati saranno a fianco dei lavoratori per sostenere la costruzione di un’Europa sociale, del lavoro, dei diritti e della solidarietà. E per ribadire le proprie parole d’ordine: difendere e rafforzare i sistemi previdenziali pubblici a ripartizione; stabilire un reddito minimo per le persone anziane che non abbiano versato contributi previdenziali, pari almeno al 40% del Pil per abitante e adeguato ad assicurare un’esistenza dignitosa; garantire livelli elevati di assistenza sanitaria a tutti i cittadini europei e difendere i sistemi sanitari pubblici, più efficaci ed economici; assicurare alle persone non autosufficienti un’assistenza pubblica adeguata e costituire a tal fine una rete coordinata di servizi sul territorio; offrire a tutti i cittadini europei percorsi di formazione e di educazione per tutto l’arco della vita, con particolare attenzione alle nuove tecnologie; riconoscere e promuovere il ruolo dei pensionati e degli anziani nella società e nella costruzione dell’Europa unita.

I pensionati italiani manifano inoltre numerosi accanto ai lavoratori italiani contro il progetto di modifica del sistema previdenziale annunciato dal Governo Berlusconi e per difendere i diritti dei giovani, dei lavoratori e dei pensionati.

La Ferpa (la Federazione europea dei pensionati e delle persone anziane che organizza i sindacati dei pensionati delle Confederazioni sindacali affiliate alla Ces) è quindi presente alla manifestazione con le proprie bandiere, i propri striscioni e i propri dirigenti. Partecipano tra gli altri: la segretaria generale della Ferpa, Luigina De Santis e i tre segretari generali di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, Betty Leone, Antonio Uda e Silvano Miniati. La Ferpa ha oltre 10 milioni di iscritti, aderenti a più di 40 organizzazioni presenti nei 15 Paesi dell’Unione e in quelli che vi entreranno nel 2004. (Inform)


Vai a: