* INFORM *

INFORM - N. 183 - 1 ottobre 2003

"Le mie poesie non cambieranno il mondo": Patrizia Cavalli al Festival Internazionale di Poesia di San Francisco

SAN FRANCISCO - Si è svolto dal 25 al 28 settembre Other Words, altre parole, il Festival Internazionale di Poesia di San Francisco con accento europeo che coinvolge poeti provenienti da Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Norvegia, Svezia, Ungheria, e dalla Bay Area. L’Italia è rappresentata da Patrizia Cavalli, invitata dall’Istituto Italiano di Cultura, che ieri ha conquistato il pubblico con una lettura dalla sua raccolta "Le mie poesie non cambieranno il mondo". La poetessa - di cui J.D. McClatchy scrisse: "Lei scrive come se fosse incantata dalla passione e dal tradimento, dall’ossessione e dal rifiuto, minaccia e sfida: la narcosi dell’amore" - vive e lavora a Rome dal 1968, le sue poesie sono state tradotte in varie lingue e pubblicate in riviste inglesi ed americane. La sua ultima collezione, Sempre aperto teatro, ha ricevuto il premio Viareggio Repaci.

Il Festival biennale, giunto quest’anno alla sua terza edizione, è organizzato dalle istituzioni culturali e diplomatiche europee presenti a San Francisco in collaborazione con le associazioni legate alla poesia della Bay Area. Con l’occasione è stata anche pubblicata un’antologia dei poeti partecipanti al Festival che verrà distribuita al pubblico delle numerose letture che in questi giorni si terranno nei diversi luoghi di San Francisco consacrati alla poesia come il Poetry Center di San Francisco State University, il Valery Institute for Poetry di University of San Francisco e l’Art Institute di San Francisco. (Inform)


Vai a: