* INFORM *

INFORM - N. 173 - 17 settembre 2003

Ds Francoforte contro Berlusconi

FRANCOFORTE - "Dopo aver letto le affermazioni su Mussolini fatte dal Presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi e le patetiche precisazioni che ne sono seguite, noi siamo ancora una volta addolorati e offesi come italiani per le ferite inferte alla memoria di tutte le vittime del fascismo da parte di chi dovrebbe rappresentare la Repubblica italiana nata dalla Resistenza e l’Unione europea, che ha anch’essa le sue radici nella lotta antifascista". E’ quanto afferma in un comunicato la sezione di Francoforte dei Democratici di Sinistra, che denuncia "non solo per l’Italia ma per l’intera Europa il pericolo costituito dalla mancanza di senso dello Stato, di cultura istituzionale, di responsabilità politica, e di sensibilità umana e civile che si rivela in questo continuo stillicidio di dichiarazioni scellerate, sempre seguite dal goffo balletto di ‘smentite’ e ‘precisazioni’. Dichiarazioni che intenzionalmente o meno vanno a produrre quale effetto il logorio e lo sfilacciamento del tessuto di valori ­ e di istituzioni ­ su cui sono fondate la Repubblica italiana e l’Unione europea.

"Noi condanniamo - affermano ancora i Ds di Francoforte - ogni tentativo di rimuovere, sminuire o banalizzare i crimini del fascismo italiano. Noi ricordiamo la repressione e la persecuzione degli oppositori politici, degli ebrei e delle minoranze etniche.Noi ricordiamo i crimini di guerra commessi in Africa e durante il secondo conflitto mondiale. Noi ricordiamo la complicità con l’invasore nazista. Noi non vogliamo dimenticare. Noi ripudiamo l’uso strumentale di un falso patriottismo che relativizza i valori della democrazia, dell’uguaglianza e della pace, che ha scatenato due guerre mondiali, e che ancora continua a insanguinare il mondo. Noi rivendichiamo le aspirazioni della Resistenza europea e di chi ha voluto un’Europa unita perché quello che era accaduto allora non si ripetesse mai più. Questi sono i fondamenti della comunità politica italiana oggi. Noi invitiamo tutti i democratici europei a vigilare con noi sulla democrazia in Italia, e a denunciare con noi ogni tentativo di indebolirla" (Inform)


Vai a: