* INFORM *

INFORM - N. 169 - 11 settembre 2003

11 settembre 2001: l’Unione Europea riafferma la sua solidarietà agli Stati Uniti

ROMA - Nel secondo anniversario degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 l’Unione Europea rinnova l’espressione del suo profondo cordoglio e della sua più sincera solidarietà alle famiglie delle vittime nonché al governo e al popolo degli Stati Uniti. I barbari atti di terrorismo che provocarono enormi sofferenze umane e ingenti danni materiali e perdite a New York, Washington e in Pennsylvania furono percepiti dai cittadini europei come attacchi brutali agli ideali e ai principi della libertà e della pace, alle istituzioni della democrazia, alla loro stessa sicurezza e modo di vivere. L’Unione Europea ha reagito a quei tragici eventi con grande determinazione con l’obiettivo di promuovere la più ampia cooperazione internazionale possibile nella lotta al terrorismo. In questo sforzo l’Unione Europea ha adottato un numero ampio e significativo di misure e ha partecipato attivamente alle attività condotte in vari fori internazionali, in particolare le Nazioni Unite, dirette a prevenire e sopprimere i fenomeni terroristici. Importanti risultati sono stati conseguiti in questo quadro, portando, tra l’altro, ad arresti e processi di sospetti terroristi, allo smantellamento di cellule, al congelamento di beni e risorse finanziarie.

L’Unione Europea ha anche promosso un dialogo politico con molti paesi e organizzazioni regionali per diffondere la consapevolezza della necessità di adottare misure legislative e di altro tipo appropriate ed efficaci, a livello interno e internazionale, allo scopo di sradicare il terrorismo, sopprimere le sue fonti e canali di finanziamento, rimuovere le condizioni e modalità del suo reclutamento. Il perseguimento di un approccio globale, la promozione del dialogo tra le culture e le civiltà, il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali nella lotta al terrorismo sono elementi cruciali e parte integrante di questo impegno di ampia portata. L’Unione Europea riafferma la sua piena solidarietà agli Stati Uniti ed a tutti gli altri paesi che sono stati vittime di atti terroristici ed è determinata come sempre a perseguire le sue politiche interne e la sua strategia di cooperazione internazionale volta a sconfiggere il terrorismo.

I paesi aderenti Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Sslovacca e Slovenia, i paesi associati Bulgaria, Romania e Turchia, nonché i paesi dell'EFTA Islanda, Liechtenstein e Norvegia membri dello Spazio economico europeo aderiscono alla presente dichiarazione. (Inform)


Vai a: