* INFORM *

INFORM - N. 168 - 10 settembre 2003

Il Ministro Gasparri alla Mostra sulla lingua italiana a Firenze: "non vi è innovazione tecnologica senza cultura"

FIRENZE - Il Ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri ha concluso i lavori del seminario sul trattamento automatico della lingua, organizzato dalla Fondazione Ugo Bordoni in collaborazione con la Società Dante Alighieri in occasione della mostra "Dove il sì suona", presso la Biblioteca degli Uffizi di Firenze. Gasparri ha espresso il vivo augurio che gli obiettivi tecnologici e di modernizzazione applicati allo studio della lingua italiana possano attuarsi con l’unanime consenso del mondo umanistico.

Dopo aver ascoltato le relazioni di Joseph Mariani, Amedeo De Dominicis, Andrea Paoloni, Paolo Parlavecchia, Maria Teresa Pazienza e Silvano Pozzi, si è giunti alla conclusione che la diffusione della lingua italiana all’estero dev’essere sempre più supportata dall’applicazione delle nuove tecnologie.

"E’ una sfida alla modernità - ha aggiunto il Ministro Gasparri - alla quale l’Italia non vuole rinunciare, sia per la qualità del prodotto italiano, sia per la responsabilità culturale che ha il nostro Paese nei confronti del mondo". Il concetto di potenza culturale è stato riaffermato anche dal Presidente della Società Dante Alighieri, Ambasciatore Bruno Bottai, che si è detto soddisfatto per un pubblico superiore alle 600 mila unità che da marzo fino ad oggi ha visitato la prima grande mostra sul nostro idioma, prorogata agli Uffizi fino al gennaio 2004.

"Dove il sì suona", ammirata anche dal Ministro Maurizio Gasparri al termine della manifestazione, sarà poi trasferita presso il Museo Nazionale di Zurigo, in Svizzera, prima città estera ad ospitare l’evento. (Inform)


Vai a: