* INFORM *

INFORM - N. 161 - 1 settembre 2003

Con l'avvio del campionato di calcio è ripartita "La grande giostra dei Gol" di Rai International

Più intrattenimento ed informazione per un format televisivo ormai collaudato

ROMA - Anche quest'anno, in concomitanza con l'inizio del campionato italiano di calcio, ha preso il via la trasmissione di punta di Rai International " La grande giostra dei Gol". Un programma sportivo di notevole successo - "La giostra dei Gol" può vantare una media di 55 milioni di telespettatori - che ogni domenica dalle 14,15 alle 18,15 trasmette in diretta la partita di calcio di serie A ritenuta più interessante ed informa in tempo reale la vasta e variegata platea televisiva di Rai International sui risultati degli altri incontri del campionato italiano.

Quattro ore di puro intrattenimento televisivo che sono state affidate al collaudato Gianfranco Laurentiis, il giornalista sportivo che ha diretto le scorse edizioni del programma, ed alla nota conduttrice del piccolo schermo Paola Saluzzi. I due sono affiancati da una folta schiera di giornalisti ed opinionisti - tra questi ricordiamo l'ex Direttore del Corriere dello Sport Italo Cucci e l'ex capitano della Roma Giuseppe Giannini - e dal duo comico Battaglia e Miseferi che con le loro trovate arricchiscono la trasmissione. Il programma, ritmato dal regista Francesco Fogliani, è caratterizzato anche da appuntamenti fissi, come ad esempio le rubriche " I Borghi più belli d'Italia" - attraverso specifici servizi la grande platea televisiva potrà conoscere le nicchie culturali, le realtà e le tradizioni più nascoste del nostro Paese - e "Non solo Calcio". Un momento di approfondimento, condotto dall'ex nuotatrice Cinzia Savi Scarponi in cui, oltre ad interessanti immagini di repertorio della sconfinata cineteca sportiva della Rai, vengono presentati gli eventi salienti delle principali discipline sportive.

In chiusura di programma, nel corso del quale sono raccolte ed illustrate informazioni di stretta attualità ed i messaggi di posta elettronica inviati dagli telespettatori, vi è anche un'apposita rubrica, condotta da Paola Saluzzi, sulla realtà degli italiani nel mondo. Attraverso la diretta testimonianza in studio dei nostri connazionali verranno infatti raccontate singole storie di protagonisti italiani che hanno vissuto e vivono tuttora all'estero. "Sono orgogliosa di lavorare per una rete che arriva in tutto il mondo e per i nostri connazionali all'estero - ha spiegato ai giornalisti Paola Saluzzi nel corso della conferenza stampa di presentazione del programma svoltasi presso la storica sede Rai di Viale Mazzini. - Gli italiani nel mondo, di cui dobbiamo instancabilmente parlare, non sono infatti un'immagine stereotipata da cartolina, ma una vera e propria bandiera di cui dobbiamo essere fieri…Speriamo che al più presto - ha concluso la conduttrice - Rai International possa essere vista anche in Italia".

Durante l'incontro con la stampa ha preso la parola il direttore di Rai International Massimo Magliaro che ha in primo luogo sottolineato come a tutt'oggi sia necessario far conoscere anche in Italia l'immagine e la grande professionalità della "scuderia" di Rai International. Una realtà televisiva pressoché sconosciuta nel nostro Paese che viene invece apprezzata nel mondo. Dopo aver ricordato il notevole successo riportato negli anni passati da "La grande giostra dei Gol" - una trasmissione che viene seguita a pagamento nei locali di Cuba e che nel 1999 con i suoi appelli ha sicuramente incentivato la gara di solidarietà in favore degli alluvionati del Venezuela - Magliaro ha evidenziato come nell'edizione di quest'anno il programma di punta di Rai International cambierà formato, lasciando più spazio al puro intrattenimento. Il direttore ha poi sottolineato la necessità che la rete internazionale della Rai si lasci definitivamente alle spalle quella marginalità che l'ha caratterizzata fino a qualche anno fa. "L'epocale conquista del pieno esercizio di voto per i nostri connazionali all'estero - ha infatti spiegato Magliaro ricordando l'importante riforma costituzionale - ha cambiato il destino e il baricentro strategico di Rai International che in occasione delle prossime consultazioni politiche dovrà fornire il suo contributo".

"Rai International - ha proseguito Magliaro ricordando le straordinarie bellezze naturali e culturali del nostro Paese - dovrà inoltre raccontare, superando i consueti stereotipi, il 'sistema Italia' nel mondo. Una realtà , quella delle nostre collettività all'estero, che si sta trasformando ed arricchendo. Nelle comunità italiane, ormai inserite ai più alti livelli della società d'accoglienza, sono infatti sempre più numerosi i giovani imprenditori e ricercatori che producono ricchezza. Un 'Commonwealth' italiano nel mondo - ha infine concluso Massimo Magliaro - a cui Rai International si deve rivolgere in prima battuta". (Goffredo Morgia-Inform)


Vai a: