* INFORM *

INFORM - N. 160 - 16 agosto 2003

Si celebra a Einsiedeln il 7 settembre il 25° anniversario della fondazione del CAVES (Comitato Associazioni Venete Emigranti in Svizzera)

VENEZIA - Compie 25 anni il CAVES, Comitato Associazioni Venete Emigranti in Svizzera, uno dei pochi organismi unitari, o Federazioni, capace di raggruppare i diversi sodalizi formati da cittadini veneti che vivono in un paese straniero.

"Dopo un quarto di secolo siete nuovamente tutti invitati a ricordare e festeggiare con noi", scrive il presidente del Caves, Luciano Lodi, nell’invito ai rappresentanti del mondo migratorio veneto a partecipare alle celebrazioni programmate il prossimo 7 settembre a Einsiedeln, nella Svizzera centrale, fra i laghi di Lucerna e di Zurigo. I veneti della vicina Confederazione attribuiscono grande importanza all’avvenimento, perché alla ricorrenza della fondazione del Comitato coincide un altro anniversario, l’ascesa al soglio pontificio del bellunese Albino Luciani con il nome di Giovanni Paolo I.

"Il 3 settembre del 1978 - ricorda Lodi - battezzammo la nostra unione alla presenza dell’allora Presidente della Regione del Veneto, Angelo Tomelleri, del Vescovo di Belluno e Feltre, Mons. Maffeo Ducoli e di Edoardo Luciani, fratello del Pontefice appena eletto, il quale ci aveva assicurato la sua presenza quando ancora era Patriarca di Venezia: la sua personale a autografa missiva portataci dal fratello, è parte integrante della nostra storia".

Il programma della manifestazione prevede, alle ore 9, l’inizio dei lavori al salone del Dorfzentrum, con il saluto degli ospiti, la relazione introduttiva del presidente del Caves, i messaggi delle autorità e l’intervento dell’assessore regionale veneto ai flussi migratori, Raffaele Zanon. Alle 10.45 concerto bandistico del Corpo Musicale di Auronzo di Cadore (Bl), diretto dal maestro Livio Monti e a seguire (ore 12.15) Santa Messa solenne nel Santuario di Einsiedeln. A conclusione, pranzo al Dorfzentrum.

Alla manifestazione sono attesi, oltre a numerose autorità civili e religiose, italiane e svizzere, moltissimi ex immigranti provenienti dalle diverse province della regione, "assieme ai quali - sottolinea Lodi - ricorderemo e festeggeremo la concordia e l’unione tra veneti in terra elvetica".

E miglior luogo d’incontro in Svizzera non poteva essere scelto, dato che Einsiedeln, villaggio adagiato in un paesaggio prealpino di singolare bellezza, è uno dei luoghi di pellegrinaggio più famosi dell'Europa centrale, per la presenza della più importante cittadella dello spirito esistente in questo Paese: il grande monastero con il Santuario, in stile barocco, della celebre Madonna Nera.

Per informazioni scrivere alla segreteria del Caves, c/o Giampietro Mondin: gpmondin@vtx.ch .

(Veneti nel Mondo/Inform)


Vai a: