* INFORM *

INFORM - N. 160 - 16 agosto 2003

Così Matilda Cuomo parla di Tremaglia in un’intervista

«Il Ministro Tremaglia ha capito ciò che altri in passato non hanno compreso: le potenzialità della comunità italo-americana in Usa. Ha sostenuto un sogno: promuovere la lingua italiana in America»

ROMA - «Ho incontrato il Ministro Tremaglia l’anno scorso, in concomitanza con le giornate di festeggiamenti per il Columbus Day e l’ho trovato subito una persona veramente notevole. Voglio esprimere il mio rispetto e la mia stima per il Ministro per gli Italiani nel Mondo, per la sua opera, per la sua azione. E’ arrivato a capire ciò che altri in passato non hanno compreso, ha intuito la giusta via da percorrere: le potenzialità della comunità italo-americana in Usa. Ha sostenuto un sogno: quello di promuovere la lingua italiana in America. Ha compreso bene ciò che sto cercando di fare». Lo ha dichiarato, in un’intervista all’agenzia News Italia Press, Matilda Raffa Cuomo, first lady dello Stato di New York dal 1983 al 1995, da sempre animata da una straordinaria passione per l’Italia e impegnata a promuoverne la lingua e la cultura negli Usa.

Nella lunga intervista, la Signora Cuomo si sofferma tra l’altro sullo storico traguardo dell’inserimento dell’italiano, da parte del Ministero dell’Istruzione americano, nell’Advanced Placement Program che ne consentirà l’insegnamento nelle scuole superiori degli Stati Uniti a partire dal 2005. «Il Governo italiano e il Ministro Tremaglia – sottolinea Matilda Raffa Cuomo – hanno sponsorizzato la causa con circa 500mila dollari. La cosa importante è che per la prima volta con questo progetto si siano uniti a lavorare per la stessa causa l’Italia e il Governo italiano e le organizzazioni italo-americane più importanti: Niaf, Osia, Unico». L’«AP Program» coinvolgerà circa 500 scuole in almeno 50 Stati del Paese: l’italiano si prepara così a diventare seconda lingua degli Stati Uniti. (Inform)


Vai a: