* INFORM *

INFORM - N. 159 - 12 agosto 2003

ACLI Baviera: "Zoratto mente e non si smentisce"

MONACO DI BAVIERA - Le agenzie stampa del 6 agosto (vedi Inform n. 153, titolo: Da "Oltreconfine", Stoccarda. Danieli (Margherita) fischiato al CGIE. Nonostante tutto, amicizia profonda fra Italia e Germania, ndr) riportano il contenuti di un articolo pubblicato su "Oltreconfine" a Stoccarda , a firma Zoratto, secondo il quale il Sen. Franco Danieli, responsabile per la "Margherita" degli Italiani nel mondo, si è ripresentato alla sessione di luglio del CGIE attaccando inopportunamente il Governo Berlusconi per le promesse cronicamente disattese e per gli insensati atteggiamenti assunti recentemente dal Presidente del Consiglio all’Assemblea europea di Strasburgo durante i lavori di apertura della Presidenza del semestre italiano.

E’ quanto affermano le Acli Baviera, in un comunicato a firma del Presidente Carmine Macaluso, che qui riportiamo.

Le Acli Baviera, coerenti alle posizioni assunte, lungi dal fomentare sterili polemiche, ritengono le affermazioni di Bruno Zoratto infondate, inverosimili e irriguardose degli italiani in Germania.

Distratto dalla boria del politicante di sempre, Zoratto mente, a più riprese, sapendo, ed è la cosa peggiore, di mentire.

Mente perché, non solo tra la collettività italiana in Germania, ma in generale dell’intera Europa le vuote esternazioni del Presidente di turno dell’Unione Europea hanno innescato dibattiti e perplessità, anche da chi fino allora scevro dal parteciparvi se ne era astenuto, sullo spessore politico di Berlusconi. Una serie di quotidiani di prestigio europeo hanno titolato e documentato la leggerezza di affermazioni gratuite, la mancanza di stile e sensibilità nella gestione parlamentare di un semestre di rilevanza storica.

Mente, il nostro Zoratto, affermando che nessuna rilevante Associazione in Germania si sia pronunciata per criticare, esprimendo rammarico ed amarezza, gli accadimenti di Strasburgo. Le Acli Baviera, ed è tipico e sintomatico del nostro non vedere… "oltreconfine", hanno con puntuale obiettività dato voce al disagio e al disappunto degli Italiani in Germania, ed insieme alle Acli tanti gruppi, privati cittadini, e la stampa disponibile in lingua italiana in Germania ne è un’eloquente testimonianza, hanno riportato le critiche espresse a riguardo. Zoratto sembra accorpare tipicamente le opinioni che non rispecchiano la sua in un unico…"fascio" ed ignorarle!

Ma si sa Zoratto è uomo d’onore e le Acli … "nessuna autorevole Associazione"!

Mente il nostro Zoratto quantificando in "quattro gatti" la presenza dei Ds in Germania. Basterebbe scorrere i risultati elettorali delle ultime competizioni europee per contare in Germania… i tre micetti di An!

Ma si sa Zoratto è uomo d’onore e i Ds… "nessun gruppo politico"!

Il tentativo di monopolizzata la comunità italiana in Germania ad uso e consumo della destra e secondo le esigenze del momento è evidentemente fallito, nonostante Zoratto difenda ciò che con raziocinio non è giustificabile né ammissibile, relegandosi nel ruolo di "capobastone" e sminuendo il patrimonio di realtà associative e politiche, anche in costituzione come la "Margherita" di cui entro l’anno si celebra il Congresso in Germania, e non colga le deficitarie e compromettenti reazioni e paragoni del Presidente Berlusconi e l’abbaglio del suo Governo.

Ma si sa - concludono le Acli Baviera - Zoratto è uomo d’onore e la sua… nessuna politica!. (Inform)


Vai a: