* INFORM *

INFORM - N. 158 - 12 agosto 2003

A ritmo incalzante la visita a Sydney del Presidente dell'Associazione Mantovani nel Mondo Daniele Marconini

SYDNEY - E' cominciata male la visita in Australia del presidente dell'Associazione Mantovani nel Mondo e componente della Consulta emigrazione della Regione Lombardia, Daniele Marconcini, in Australia. Sabato sera 9 agosto, al suo arrivo in Australia, dopo il lungo viaggio iniziato all'aeroporto di Linate, ha avuto la sgradita sorpresa di non trovare la valigia contenente oltre cento volumi del libro scritto da Bruno Ravagnani sull'esperienza emigratoria dei mantovani in Australia e che dovevano essere presentati mercoledì 13 agosto a Sydney in una cerimonia organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura di Sydney. Comunque, a parte questa temporanea disavventura, risoltasi due giorni dopo, la visita in Australia di Daniele Marconicini ha assunto subito un ritmo incalzante e travolgente come è costume del dinamico dirigente mantovano.

Neanche ventiquattro ore dopo il suo arrivo in Australia, il presidente dell'AMM ha incontrato il Comitato dell'Associazione Lombardi in Australia, in una riunione conviviale svoltasi al Marconi Club di Sydney, il maggiore circolo italiano esistente in Australia con oltre 35.000 soci. Marconcini ha esposto ai convenuti l'articolato programma dell'associazione spiegando anche limiti e possibilità attualmente esistenti nel finanziamento di programmi regionali che devono passare, così come stabilisce l'attuale legge regionale lombarda, attraverso organismi che abbiano sede in Lombardia.

La riunione ha avuto un esito positivo soprattutto nel senso di aver ricostituito la base di un'effettiva e consapevole sinergia con l'organismo rappresentativo dei lombardi nel Nuovo Galles del Sud e le istituzioni che attualmente costituiscono il punto di raccordo per rendere possibili eventuali finanziamenti dei progetti che possono essere presentati dai lombardi residenti in Australia.

Lunedì, 11 agosto, è stato dedicato interamente agli incontri con gli organismi istituzionali italiani presenti a Sydney. Il primo appuntamento della mattinata è stato con il direttore dell'ENIT, dr. Gabriele Pala, con il quale Marconcini ha affrontato la problematica della mancanza di una effettiva promozione in Australia per un turismo mirato in Lombardia. Inoltre non è mancato un rilievo critico della reiterata assenza dell'Alitalia sulla rotta Italia Australia e l'imminente cessazione dei voli tra l'Australia e l'Italia prevista per il prossimo settembre.

Successivamente il presidente dell'AMM ha incontrato il presidente e il segretario generale della Camera di Commercio e Industria italiana a Sydney, rispettivamente Avvocato Adrian Guido e Nicholas Carè. Tema principale dei colloqui l'imminente riunione (ottobre p.v.) a Mantova delle Camere di Commercio all'estero. Marconcini si è reso disponibile per organizzare nella provincia di Mantova una serie di incontri con le aziende presenti nel territorio con le delegazioni delle cinque Camere di Commercio Italiane rappresentative degli Stati australiani. Il terzo incontro della giornata di lunedì di Daniele Marconcini è stato con il Console Generale di Sydney, dr. Antonio Verde. Temi principali quelli inerenti a tutte le problematiche dell'accertamento anagrafico e della possibilità di riacquisizione della cittadinanza italiana da parte dei figli di quegli emigrati che sono stati privati della cittadinanza italiana successivamente all'anno 1948, coincidente con l'introduzione dell'attuale Costituzione italiana.

Il pomeriggio dell'11 agosto ha visto il dirigente mantovano incontrare il direttore dell'ICE in Australia, dr. Matteo Picariello che nella sua esposizione della presenza nel settore commerciale e degli investimenti italiani in Australia ha messo in evidenza un fatto incontrovertibile: oltre il 50 per cento della presenza italiana in Australia ha origine da aziende della Lombardia ma contemporaneamente è stata messa in evidenza l'assenza di programmi "ad hoc" che non solo pongano nella giusta luce questa situazione ma nello stesso tempo presentino programmi per rafforzare ed estendere questa presenza.

A completamento dei lavori della giornata, Marconcini ha incontrato l'avvocato Nick Papallo, consulente ed inviato per il commercio e gli investimenti dall'Italia nello stato del Nuovo Galles del Sud. Anche in questo caso il presidente dell'AMM ha fatto presente la necessità di rafforzare il legame tra i due Paesi anche servendosi delle forze associative lombarde presenti sul territorio. Inoltre è stata rilevata la possibilità di iniziare un primo progetto con il Politecnico di Milano promuovendo uno scambio di studenti per uno stage e/o master con gli istituti universitari australiani.

Martedi 12 agosto, Daniele Marconcini incontra le forze associative lombarde nell'area a sud di Sydney. Mercoledì è previsto, alla Casa d'Italia di Sydney, il lancio del libro di Bruno Ravagnani. Giovedì il presidente dell'AMM si trasferirà a Melbourne e lunedì 19 agosto sarà a Brisbane prima di ripartire per l'Italia il 21 agosto. (Pietro Schirru-Inform)


Vai a: