* INFORM *

INFORM - N. 153 - 6 agosto 2003

"Uguali e diversi. Storie di Lombardi e Italiani all'estero"

E’ il tema del 1° Premio Enea 2003, concorso letterario internazionale sull’emigrazione organizzato dall’Associazione Mantovani nel Mondo nell’ambito di "Festivaletteratura"

MANTOVA - L'Associazione Mantovani nel Mondo, con il patrocinio del Comune e dell'Amministrazione Provinciale di Mantova, ha organizzato il 1° Premio Enea 2003, concorso letterario internazionale sull'emigrazione. ll Premio Enea è nato per conservare e stimolare la memoria dell'emigrazione lombarda e italiana, nonché per dare visibilità alle storie dei protagonisti di tale fenomeno. Tema del concorso: "Uguali e diversi. Storie di Lombardi e Italiani all'estero". Il premio sarà ospitato nel contesto del prossimo "Festivaletteratura" che si svolge a Mantova dal 3 al 7 settembre 2003.

La motivazione del premio - rilevano gli organizzatori - è dettata dalla consapevolezza degli organizzatori dell'esistenza di una miniera, spesso celata, di accadimenti, tradizioni e costumi, pieno patrimonio dei nostri emigranti all'estero. Un concorso letterario è quindi in primo luogo finalizzato a far riemergere questa memoria, permettendo di fare luce su aspetti culturali propri della nostra tradizione che oggi si stanno perdendo nelle stesse terre di origine. Infine è da sottolineare l'utilità dell'archiviazione di queste opere a futura memoria.

"Ah, questa vita ha bisogno di spazi immensi". Nelle parole del più importante poeta mantovano del ventesimo secolo, Umberto Bellintani, l'esigenza vitale che ha animato moltissimi nostri connazionali, quella di emigrare. Il viaggio, quindi, inteso come spinta essenziale verso nuovi territori e condizioni, come forma di conoscenza e di confronto. Questo concorso nasce con l'intento di dar voce a queste esperienze e di tramandare la memoria storica di tutti i lombardi e degli italiani che hanno lasciato la propria terra e ne hanno abbracciata un'altra, uguale e diversa. Uomini tesi tra il bisogno forte di integrazione e la ricerca, come scrisse il più celebre dei poeti mantovani, Virgilio, "dell'antica madre". Enea, personaggio di virgiliana memoria, come simbolo per eccellenza del viaggio, rappresenta il legame con le origini e la durezza delle nuove condizioni di vita, ma anche le capacità di inserimento e di integrazione.

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti, senza limiti di età e nazionalità, purché maggiorenni. La giuria sarà composta da qualificati esponenti del mondo della letteratura, della poesia e della critica, nonché da esperti di tematiche migratorie. Al vincitore, quale premio, sarà offerto il viaggio e quattro giorni di permanenza a Mantova durante il Festivaletteratura. (settembre 2003). Il Premio Letterario Enea offre una duplice occasione di visibilità ai testi pervenuti. Da un lato, i testi selezionati come migliori saranno raccolti in un progetto editoriale per cui si è chiesto il finanziamento della Regione Lombardia. Dall'altro, tutti i testi pervenuti saranno visibili sul sito Internet dell'Associazione Mantovani nel Mondo http://www.festivaletteratura.it/2003/programma.php. (Inform)


Vai a: