* INFORM *

INFORM - N. 152 - 5 agosto 2003

Emilia Romagna: conclusa la prima edizione del programma "Boomerang". Coinvolti 13 stagisti provenienti dal Sud Amerca

BOLOGNA - E’ arrivata a metà percorso la sesta edizione del programma "Boomerang" realizzato dalla Consulta dell’Emigrazione della Regione Emilia-Romagna e dal Servizio Stampa e Informazione della Giunta regionale, in collaborazione con il CIDES (Centro Internazionale dell’Economia Sociale) di Bologna. Dal 26 maggio al 26 luglio 2003, tredici ragazzi di origine emiliano-romagnola provenienti da Argentina, Belgio, Brasile, Venezuela e Uruguay sono stati ospiti della Regione per svolgere uno stage presso aziende dell’Emilia-Romagna.

L’iniziativa risponde a un duplice obiettivo: dare la possibilità ai giovani discendenti dei nostri emigrati di instaurare legami con la terra d’origine acquisendo conoscenze utili per il loro futuro professionale; promuovere l’internazionalizzazione dell’economia dell’Emilia-Romagna attraverso lo sviluppo delle relazioni con i nostri corregionali all’estero, presenti in tutto il mondo con 113 associazioni (41 in Europa e 72 nei Paesi extraeuropei). Il programma "Boomerang" dura due mesi e si articola in due fasi: la prima, comune a tutti gli stagisti, è dedicata alla comunicazione interpersonale, alle lezioni di lingua italiana e di cultura dell’Emilia-Romagna; la seconda consiste nello stage vero e proprio, con la partecipazione diretta dei giovani all’attività produttiva delle aziende cui sono assegnati.

Alla prima edizione 2003 (primavera-estate) di "Boomerang", gli stagisti sono stati così suddivisi: Rebeca Vanesa Belloso (argentina), Marco Foschi (belga) e Marcos Pier Reverberi (uruguayano), hanno partecipato a "ReportER", il corso condotto presso l’Ufficio Stampa della Regione e le redazioni dei giornali on-line "Bologna da Vivere" e "Stradanove", allo scopo di acquisire le competenze informatiche e giornalistiche necessarie per creare i siti Internet delle rispettive associazioni e diventare, inoltre, i corrispondenti del sito ReportER dedicato alle giovani generazioni di corregionali nel mondo.

I giovani coinvolti nel progetto "Vulcano", un corso ad indirizzo meccanico dedicato a chi ha competenze tecniche, sono gli argentini Enrique Mariani, Fabian Reale, Marcelo Chiariello e l’uruguayano Carlos Alberto Logaldo, che stanno svolgendo il loro stage presso le sedi di Modena e Imola della CNH Italia.

Al progetto "Ulisse", che prevede un’esperienza di stage per diverse tipologie lavorative e professionali, aderiscono per il settore turistico-alberghiero i quattro giovani attualmente impegnati presso l’Hotel Molino Rosso di Imola: Liliana Pereyra (uruguayana), Maria Jacinta de Toma (brasiliana), Gustavo Galante (argentino) e Victorio Veronesi (argentino); per il settore alimentare, Romildo Soldati (brasiliano) è in forza alla Granarolo di Cariano (Bologna), mentre il venezuelano Ivor Vignola partecipa ad uno stage nel settore amministrativo presso Tecnoform, un’azienda che produce arredamenti per yachts e navi da crociera.

E’ prevista per l’autunno-inverno 2003 una seconda edizione del programma, con la partecipazione di altri nove giovani corregionali. Dal 1998, anno d’inizio di "Boomerang", ad oggi, hanno aderito all’iniziativa 102 giovani discendenti dei nostri emigrati all’estero. Per la loro selezione è stato fondamentale il contributo delle associazioni di emiliano–romagnoli che hanno messo a disposizione delle nostre aziende oltre 300 curricoli di giovani di tutto il mondo, in particolare dai Paesi del Sud America. (Emiliano-Romagnoli nel Mondo/Inform)


Vai a: