* INFORM *

INFORM - N. 149 - 31 luglio 2003

Celebrata a Mandas in Sardegna la Giornata Regionale delle Migrazioni

CAGLIARI - Il 26 luglio si è svolta a Mandas la ormai tradizionale Giornata Regionale delle Migrazioni, proposta dalla Migrantes, organizzata dal C.R.A.I.E.S., con il patrocinio dell'Assessorato al Lavoro della Regione Autonoma della Sardegna. La manifestazione ha avuto inizio con la Santa Messa, cui ha partecipato una folta schiera di oltre 150 emigrati, provenienti da tutte le parti del mondo. La messa è stata veramente un momento di forte emozione al quale ha dato voce Mons. Antonio Vacca, Vescovo di Alghero-Bosa, con una omelia sapiente e vibrante.

E’ seguito l'incontro culturale, diretto dall'Avv. Eligio Simbula, Presidente del C.R.A.I.E.S. (Centro Regionale Assistenza Emigrati ed Immigrati Sardi), che nell'aprire i lavori ha ringraziato la popolazione locale per la calda accoglienza e tra l'altro ha affermato che la presente giornata vuole essere si momento di riflessione, di sintesi, di confronto e di proposta ma principalmente vuole essere momento di festa per i nostri emigrati che almeno una volta all'anno, vengono festeggiati sia dalle istituzioni religiose e politiche, sia dalla popolazione isolana, con una unitarietà di intenti sì da ricomporre simbolicamente il popolo sardo nelle sue componenti essenziali dei residenti e non residenti.

L'Avv. Simbula, nel portare il saluto di proficuo lavoro dell'Assessore Dr. Matteo Luridiana, impossibilitato a partecipare all'odierno dibattito per sopraggiunti impegni istituzionali, ha manifestato la sua più viva soddisfazione per la piena assoluzione "perché il fatto non sussiste" dei funzionari regionali Dott. Pierpaolo Restivo e Rag. Antonio Unali, che per oltre sei anni hanno dovuto subire umiliazioni e discredito a causa di una quanto mai ingiusta imputazione. L'Avv. Simbula ha inoltre evidenziato l'importanza dello sport per i nostri emigrati e in particolare del Cagliari Calcio quale simbolo della Sardegna ed elemento unificante di tutti i nostri emigrati. In merito ha auspicato un sempre maggior coinvolgimento tra la società Cagliari Calcio e le Federazioni dei Circoli Sardi nel mondo col riconoscere al C.R.A.I.E.S. il ruolo insostituibile di coordinamento.

Il Sindaco di Mandas Dr. Umberto Oppus nel dare il proprio saluto all'assemblea si è detto onorato, a nome della popolazione di Mandas, dell'opportunità loro concessa di poter ospitare una manifestazione così importante e così coinvolgente porgendo i più vivi ringraziamenti agli organizzatori.

La giornata prende corpo e s'intensifica con il saluto di Mons. Vacca, il quale, tra l'altro, ha voluto sottolineare che si deve sempre più promuovere e praticare la Solidarietà nei confronti dei migranti e in particolare delle loro famiglie. Le Amministrazioni regionali nonché quelle Comunali devono esprimere tale solidarietà dando vita a tutti quei tentativi possibili che possano condurre alla riunificazione delle famiglie dei migranti. Riguardo a questo tema, così importante, va detto con soddisfazione che dopo tanti anni l'O.N.U., proprio nel mese di Luglio di quest'anno, ha approvato una legge quadro che riguarda appunto la riunificazione della famiglia del migrante. Mons. Vacca ha soggiunto che la Giornata Regionale è l'occasione per continuare nell'opera di sensibilizzazione per far ricordare ai residenti come i Sardi che vivono nel mondo, sono parte integrante della nostra Sardegna - sia a livello civile che ecclesiale - e che l'attenzione verso i nostri concittadini non residenti ci spinge ad allargare l'orizzonte verso tutto il mondo della mobilità umana che caratterizza ed ancor più caratterizzerà il futuro del mondo in una rinnovata fusione di popoli.

La relazione ufficiale incentrata sul tema: "Il ruolo delle Municipalità di origine per i Sardi che vivono nel mondo" è stata svolta dallo storico dell'arte Prof. Giuseppe Spiga, che ha svolto il suo intervento con un'oratoria appassionata. Il Prof. Spiga, tra l'altro, ha affermato: "Per quanto riguarda, in modo particolare, le municipalità di origine, il loro ruolo e la loro partecipazione alla politica e all'azione amministrativa delle Regioni nel mondo dell'emigrazione è, indubbiamente, un fine che deve essere perseguito e sviluppato, sia pur tenendo conto delle difficili condizioni strutturali in cui esse attualmente versano. Pertanto da questo processo non vanno esclusi gli organi istituzionali minori i quali, devono essere direttamente coinvolti nei diversi processi di intervento portati avanti dalle stesse Regioni, in osmosi con gli indirizzi nazionali, in quanto anche loro organi coordinatori interessati. I Comuni, infatti, costituiscono la sede del primo rapporto con il cittadino e con le istituzioni nazionali. Non a caso l'art. 35 della Costituzione impegna il termine ‘Repubblica’ e non ‘Stato’ nella tutela del lavoro italiano all'estero. Da ciò ne deriva che la Costituzione ha inteso tutelare l'attività degli italiani all'estero coinvolgendo tutte le istituzioni: Stato, Regione, Provincia e Comune, in sintonia con l'art. 114 della stessa Costituzione. Le Amministrazioni locali, in modo particolare, devono perciò essere corresponsabilizzate quali compartecipi della elaborazione e dell'attuazione delle linee della politica generale e non soltanto impegnate quali mere esecutrici di disposizioni o di deleghe, sempre tenendo conto che l'inadeguatezza delle loro strutture locali non deve portare ad una rassegnata restrizione del loro ruolo a funzioni puramente applicative dei moduli amministrativi degli organi superiori. In un quadro complessivo di politica e di azioni indirizzate ai connazionali all'estero, non può non essere sottolineata l'attività delle Associazioni e delle Organizzazioni dell'emigrazione.".

Molti e interessanti gli interventi che si sono susseguiti da parte degli emigrati ed ex emigrati e dei rappresentanti le strutture organizzate in emigrazione, che hanno posto in evidenza la vitalità del mondo dell'emigrazione. Significativa e di particolare importanza la presenza e gli interventi dei Sindaci: Piero Cannas di Villagrande Strisaili; Aldo Fadda di San Basilio; Danilo Artizzu di Siurgus Donigala; Gianni Melas di Guasila; e dell'On. Sergio Pisano Sindaco di Selegas che ha inoltre lamentato come la Regione Autonoma Sarda non abbia ancora provveduto ad istituire un "collegio estero" per gli emigrati privando gli stessi di un'effettiva rappresentanza in seno al Consiglio Regionale. Altri interventi quelli del Presidente della Federazione dei circoli sardi in Olanda Mario Agus; della Vice Presidente della Federazione dei circoli sardi in Francia Savina Corriga; della Presidente del Circolo Sardo di Grenoble Nina Puddu; del Presidente del Circolo Sardo di Sedan Fausto Soru; di Tarcisio Manca ex Presidente del Circolo Sardo di Ginevra; di Pino Loi del direttivo A.T.M. Emilio Lussu; di Pino Dessì Presidente della F.A.E.S.; del giornalista Giovanni Marras.

Significative le presenze di Mons. Salvatore Ferrandu Vice Presidente della Fondazione Migrantes nonché Presidente onorario del C.R.A.I.E.S.; della Signora Maria Falchi vedova dell'indimenticabile Giovanni Massidda; di Leandro Masili e gentile Signora; del segretario del circolo sardo di Den Haag Ugo Piras; del direttore regionale della "Migrantes" Don Gianpiero Zara; della Signora Paola Lanzi Assessore alla Cultura del Comune di Samassi; deii rappresentanti del Cagliari Calcio e del Coordinamento dei Cagliari Clubs; del Dott. Silvestro Furcas; del Prof. Lussorio Monne coordinatore dell'attività C.R.A.I.E.S. nella Provincia di Nuoro; del Prof. Savino Melillo coordinatore dell'attività C.R.A.I.E.S. nella Provincia di Sassari.

L'Avv. Simbula ha dato inoltre lettura dei messaggi augurali di apprezzamento e di proficuo lavoro da parte del Presidente del Consiglio Regionale della Sardegna On. Efisio Serrenti; di Mons. Piero Monni fondatore del CRAIES; di Mons. Luigi Petris Direttore Generale della Migrantes"; del Vice Presidente dell'U.N.A.I.E. Sen. Aldo Degaudenz; dell'Arch. Luigi Luchini Presidente dei Friulani nel mondo; dell'Avv. Mimmo Azzia Presidente di Sicilia Mondo; del Presidente del Cagliari Calcio Massimo Cellino; di Giuseppe Murtas Presidente dell'Associazione Sarda del Queensland, Australia; della Signora Ausilia Enna del Circolo dei Sardi di Sydney e del comitato amici C.R.A.I.E.S. nel mondo; di Gisella Porcu Presidente del Circolo Sardo di Maringà (Brasile); del Cav. Antonio Marredda di Hornu - Belgio - facente parte del comitato amici C.R.A.I.E.S. nel mondo; di Giovanni Cocco già Presidente del Circolo Sardo di Behren Les Forbach; di Efisio Pau già Presidente del Circolo Sardo di Augsburg; di Salvatore Porcu già Presidente della Federazione dei Circoli Sardi in Italia; di Domenico Scala Presidente della Federazione dei Circoli Sardi della Svizzera nonché Vice Presidente vicario della Consulta Regionale della Emigrazione; dell'On. Avv. Dino De Poli, Presidente della Fondazione Cassamarca, dell'Unaie e dell'Unione Latini nel Mondo.

La serata, in una alternanza di balli e canti coinvolgenti, è stata allietata dal gruppo folk Santa Maria di Guasila e dal Gruppo Folk Tradizioni popolari di Gadoni. Durante lo svolgimento delle manifestazioni folk il Presidente del C.R.A.I.E.S. ha provveduto alla consegna di diplomi di benemerenza e di targhe, a ricordo della stessa giornata. (Inform)


Vai a: