* INFORM *

INFORM - N. 132 - 9 luglio 2003

Michele Schiavone (Ds Svizzera): "noi siamo per una scuola pubblica"

ZURIGO - E‘ la scuola, ed in particolare sono le difficoltà finanziarie in cui versano da tempo le amministrazioni dei corsi di lingua e cultura italiana, il punto dolente che ha portato le forze del centro sinistra italiano in Svizzera a riunirsi per ricercare delle risposte e delle soluzioni alternative alle inadempienze di questo governo di centro destra, che ha messo in ginocchio il sistema scolastico all‘estero.

L‘incontro avvenuto a fine giugno a Zurigo oltre a costituire un momento significativo per rilanciare in modo programmatico e metodologico l‘iniziativa politica del centro sinistra tra la comunità italiana, ha prodotto molti spunti critici sulla bozza di articolato legislativo presentata dal governo per riformare la vecchia legge 153/71, che ad oggi istituisce i corsi di lingua e cultura italiana all‘estero.

Fermo restando la necessità di riformare urgentemente l‘intera normativa esistente che regola la materia scolastica all‘estero - ridefinendo anche i ruoli dei soggetti operanti nel mondo della scuola - per modellarla e modularla alle necessità temporali e specifiche dei vari paesi d‘insediamento facendone un punto di forza, al fine di far affermare ovunque una nuova classe dirigente e custodire i valori culturali e scientifici italiani, non è difficile intuire lo spirito di disimpegno pubblico su cui si sviluppa l‘intera proposta legislativa. Un disegno dettato dal determinismo e dai tagli a cui questo governo ci ha abituato da due anni a questa parte; inserendo la parola magica di „finanziamento" in favore delle scuole e dei corsi di lingua e cultura italiana all‘estero si cela una manovra perversa mirante alla privatizzazione dei corsi.

E‘ questo un progetto che le forze del centro sinistra in Svizzera osteggiano e denunciano, reclamando invece il rispetto delle professionalità e delle pari opportunità per tutti gli attori che rendono questa nostra scuola all‘estero l‘ultimo bastione di avanguardia italiana nel mondo. (Michele Schiavone, Ds Svizzera)

Inform


Vai a: