* INFORM *

INFORM - N. 131 - 8 luglio 2003

Ds Germania: "il Sottosegretario al Turismo Stefani si dimetta"

FRANCOFORTE - "Questa volta l’allievo supera il maestro": la segreteria dei Ds Germania, riunita a Francoforte, si riferisce al Sottosegretario al Turismo Stefano Stefani, della Lega, e alla sua lettera apparsa sul quotidiano "La Padania", che ha offeso anche il Cancelliere tedesco Schroeder inducendolo ad annunciare che quest’anno non verrà in vacanza in Italia.

"Una lettera - rilevano i Ds in Germania - ancora una volta grossolana ed offensiva nei confronti dei nostri amici tedeschi. Stupisce e ci lascia esterrefatti, come italiani che vivono in Germania, che un sottosegretario con compiti ben precisi, quali quelli di sostenere e potenziare le attività economiche e turistiche del sistema Italia, si lanci con acrimonia e sentimenti di piccola rivalsa contro i tedeschi che l’anno scorso hanno ancora una volta battuto il record di presenze nel nostro paese. Non vi deve essere più spazio né tolleranza per chi usa cliché, luoghi comuni ed improperi. E bene hanno fatto gli assessori al turismo della regione Toscana ed Emilia Romagna, a protestare ed essere indignati per le gravissime dichiarazioni del vice-ministro.

Ora siccome non ci aspettiamo che il sottosegretario esprima le sue scuse per le insolenti parole pronunciate, visto che neanche il Capo del Governo ha avuto la saggezza e l’umiltà di farlo, esigiamo noi, invece, che questo signore si scusi presso tutti gli italiani in Germania per il danno che egli arreca alla nostra immagine e all’economia delle ben 40.000 imprese italiane che qui operano. Noi, per nostro conto - conclude la segreteria dei Ds -, continueremo a tenere alta l’immagine di un’altra Italia, dove l’ospitalità, il garbo, la cordialità e la convivialità sono e rimangono le caratteristiche e lo stile che più ci hanno fatto apprezzare e ci apprezzano gli amici tedeschi. Al sottosegretario chiediamo solo di dimettersi, possibilmente in silenzio". (Inform)


Vai a: