* INFORM *

INFORM - N. 130 - 7 luglio 2003

Tremaglia: "a Malta una Conferenza internazionale sull’impegno europeo per l’immigrazione"

Rilanciare il piano-Bucarest del 1995: investimenti trentennali in Africa per dare lavoro a 20 milioni di persone e fermare il dramma dell’esodo ininterrotto verso l’Europa

ROMA - Una Conferenza Internazionale sull’impegno europeo per l’immigrazione da tenersi a Malta: è questa la proposta lanciata dal Ministro per gli Italiani nel mondo, Mirko Tremaglia, in occasione del semestre di Presidenza italiana dell’Unione Europea. «La Conferenza - spiega Tremaglia - dovrà riunire intorno allo stesso tavolo i rappresentanti dei Paesi della sponda sud del Mediterraneo, gli Stati dell’Unione e i Ministri competenti al fine di fermare il dramma, e talvolta la tragedia, dell’immigrazione verso l’Italia e i Paesi dell’Europa». La piattaforma della Conferenza ricalcherà i punti-cardine della proposta avanzata dallo stesso Tremaglia e confluita, con l’approvazione di 127 Paesi, nella Dichiarazione dell’Unione Interparlamentare riunita a Bucarest nel 1995: realizzare, cioè, investimenti europei di durata trentennale nell’Africa settentrionale al fine di dare lavoro a 20 milioni di africani nei Paesi d’appartenenza. Una proposta inserita anche nella relazione illustrativa della Legge Fini-Bossi sull’immigrazione e accolta pure dal Parlamento Italiano.

Diversificati, secondo il Ministro, gli obiettivi da raggiungere attraverso l’attuazione di questo progetto: prevedere per l’Africa un ruolo di vasta produzione economica; garantire il lavoro per fermare il massiccio esodo verso l’Europa; eliminare ogni impostazione assistenzialistica ed esaltare una politica di investimenti; combattere seriamente la fame nel mondo senza fermarsi al semplicistico abbattimento dei debiti dei Paesi in via di sviluppo; impegnare Governo Italiano ed Unione Europea a intraprendere tutte le iniziative concrete e necessarie per dare dignità al lavoro, attuando in tal modo una grande operazione di civiltà.

Tremaglia ha già illustrato il progetto al Commissario Europeo alla Giustizia e Affari Interni, Antonio Vitorino, durante l’incontro dei giorni scorsi a Villa Madama tra Ministri italiani e Commissari Ue, al fine di prevedere tale Conferenza nel corso del semestre italiano, ottenendo una piena adesione. (Inform)


Vai a: