* INFORM *

INFORM - N. 125 - 1 luglio 2003

Conferito all’Avv. Mimmo Azzia Presidente di Sicilia Mondo il "Premio Sicilia Proserpina 2003 - Siciliano Doc nel mondo"

CATANIA - Ha avuto luogo a Caravaggio (Bergamo) la celebrazione del XV° Anniversario del "Cenacolo di Storia Patria di Enna e Provincia - Terra del mito e dell’epopea normanna", in collaborazione con il coordinamento delle Associazioni Siciliane della Lombardia, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia, presenti i Presidenti dei sodalizi ed oltre 300 invitati.

La celebrazione si è aperta con il saluto del Sindaco di Caravaggio, sen. Ettore Pirovano, e con le relazioni della prof.ssa Rosa Di Bella, Presidente del Cenacolo ennese, del dr. Pietro Poidimani, coordinatore delle Associazioni Siciliane della Lombardia, del dr. Carlo Muccio su "Mito di Proserpina" e del prof. Nino Rosalia su "Cartolina dell’ennese".

Nel corso della manifestazione, è stato conferito all’avv. Mimmo Azzia, Presidente di Sicilia Mondo, il "Premio Sicilia Proserpina 2003 - Siciliano Doc nel mondo".

Gli altri premi "Sicilia Proserpina 2003" sono stati assegnati al giornalista televisivo siciliano Pietrangelo Buttafuoco, al medico siciliano Zino Battaglia, Sindaco di Berbenno (Sondrio), a Giovanni Spadola, patron del Caffè Moak di Modica (Ragusa).

Azzia, nel ricevere il premio consegnatogli dal già Ministro Enrico Ferri, ha ringraziato gli organizzatori ed i presenti ai quali ha espresso la simpatia e l’apprezzamento di "Sicilia Mondo" per i livelli culturali ed organizzativi dell’associazionismo siciliano nel Nord Italia. Un associazionismo che registra un forte ritorno in tutte le Regioni perché fa rivivere la domanda, i valori ed i contenuti della sicilianità e della sua cultura, rivitalizzando l’orgoglio della identità.

I siciliani, dovunque sono andati, pur apprezzando le diversità culturali ed i costumi locali, hanno portato e diffuso il modo di vivere siciliano e di stare con gli altri, una cultura fondata sui valori dell’amicizia, della solidarietà, della ospitalità, della famiglia, del lavoro. Questo "rapporto umano" dei siciliani che si coglie a piene mani anche nella Assemblea di oggi - ha detto Azzia - è la vera forza della sicilianità diventata cultura diffusa nel mondo ma anche la chiave di successo dell’associazionismo siciliano. Azzia ha quindi donato al Presidente della manifestazione il Tricolore italiano e la bandiera siciliana tra gli applausi dell’Assemblea.

Targhe commemorative sono state consegnate all’on. Enrico Ferri, attuale Sindaco di Pontremoli, gemellata con la città di Noto rappresentata da Corrado Pintaldi Presidente della Associazione Retina del Nord Italia (Piacenza), al padre di Giuseppe Cammarata, poeta ennese scomparso a soli 26 anni, al Sindaco di Pioltello Mario De Gasperi, al Sindaco di Pietraperzia Luigi Palascino, agli scrittori siciliani Giovanni Licari (Marsala) e Salvatore Sgrò (Maletto), allo studioso Benedetto Di Pietro (San Fratello), al folklorista Vito Patti (Favara), agli studiosi di storia municipale di Pietraperzia Lino Guarnaccia e Michele Ciulla, al Presidente della Associazione Culturale di Bergamo Lino Bonomo (Agrigento). La manifestazione largamente partecipata e sentita, si è svolta con la regia di Andrea Ruggieri. (Inform)


Vai a: