* INFORM *

INFORM - N. 99 - 23 maggio 2003

Apprendistato in Germania: la ricerca difficile

BERLINO - In Germania vivono più di 7 milioni di persone con passaporto straniero, 2 milioni di Spätaussiedler, che possiedono la cittadinanza tedesca, ma hanno comunque un’esperienza migratoria alle spalle, e diverse centinaia di migliaia di naturalizzati. Ciò significa che nell’insieme circa un terzo dei ragazzi che abitano nei Länder occidentali provengono da famiglie che hanno vissuto l’emigrazione. Provvedere alla formazione e all’integrazione di quest’ampia fascia di popolazione significa contribuire a costruire un futuro socialmente meno conflittuale e più ricco di prospettive per tutti. La formazione professionale è di un’importanza notevole, dal momento che i giovani nati da famiglie immigrate scelgono più frequentemente questo tipo di qualificazione, mettendosi alla ricerca di un posto per l’apprendistato.

Ma le difficoltà per giovani stranieri o di origine straniera sono in questo ambito molto grosse. Prima di tutto, rispetto ai coetanei tedeschi dispongono di poche conoscenze all’interno delle ditte: la strada delle relazioni personali è ancora una delle vie principali per poter ottenere un posto. Non mancano, poi, i pregiudizi dei responsabili del personale che temono di dover affrontare nella formazione difficoltà maggiori se assumono apprendisti di origine straniera. La discriminazione in base all’appartenenza etnica è un fenomeno diffuso in tutto il mondo del lavoro ed è stato rilevato da diverse ricerche in questo campo. Anche i test scritti utilizzati per la selezione dei candidati tendono a svantaggiare gli stranieri, perché mettono maggiormente in luce i deficit linguistici, senza, d’altra parte, rivelare le importanti competenze interculturali di giovani cresciuti tra differenti culture.

Tenuto conto, tuttavia, dell’attuale crisi demografica che fin da ora crea dei vuoti di personale in diversi settori, il potenziale rappresentato dai giovani di famiglie immigrate non può andare assolutamente perso. (Luisa Deponti-CSERPE/Inform)


Vai a: