* INFORM *

INFORM - N. 80 - 25 aprile 2003

Convegno Veneto-Romania su "Vino, turismo, opportunità economiche"

VENEZIA - - "Vino, turismo, opportunità economiche": sono stati questi i temi al centro del convegno organizzato dalla Camera di Commercio italo-romena e dalla Regione del Veneto, tenutosi il 24 aprile a Pramaggiore (Venezia) nell’ambito della Mostra nazionale dei vini e che ha visto, tra i relatori, l’Assessore regionale al bilancio ed alla cooperazione internazionale Marialuisa Coppola, il Vice Presidente della provincia romena di Prahova Gabriel Hornoiu e Olga Georgescu, della Camera di Commercio italo-romena di Milano.

"Il Veneto - ha detto l’Assessore regionale - ha da sempre avuto una politica turistica che ha saputo legare gli aspetti classici (arte, mare, montagna, laghi e terme) a percorsi enogastronomici come, in particolare, gli itinerari e le strade del vino. E’ è pertanto possibile che, così come c’è già un notevolissimo contributo per gli imprenditori veneti allo sviluppo economico della Romania con la delocalizzazione degli impianti industriali, i nostri operatori del settore sappiano anche cogliere le occasioni offerte in quel paese nella viticoltura, nell’enologia e nel turismo".

"La nostra Regione del resto - ha aggiunto Marialuisa Coppola - ha già in cantiere due progetti, uno dei quali certamente in tema con l’iniziativa odierna, di cooperazione e sviluppo con la Romania: il primo, per un importo di 48 mila euro, riguarda la città di Tulcea, il secondo per 10 mila euro, è destinato a interventi di formazione per le piccole e medie imprese. Il progetto di cooperazione per lo sviluppo della zona di Tulcea, in particolare, si propone l’obiettivo di creare nell’area del delta del Danubio una vera e propria rete di collaborazione per il settore turismo fra organismi pubblici, imprese e strutture formative. E’ sicuramente un’occasione di crescita importante per una zona, alle foci del Danubio sul Mar Nero, che non è particolarmente sviluppata, a un tasso di disoccupazione elevato ma ha una forte vocazione turistico-naturalistica, molto simile al nostro delta del Po e può contare su una impreditorialità turistica basata su piccole strutture a gestione familiare". (Inform)


Vai a: