* INFORM *

INFORM - N. 74- 17 aprile 2003

L’Associazione dei Sardi ACRASE conferma il Presidente Corda e approva le proposte di Ortu che non accetta l'elezione a Presidente d'onore

ROMA - Presieduta dal Presidente Corda, si è riunita a Roma l'Assemblea dell'Associazione dei Sardi (ACRASE). Molto attesi gli interventi del Presidente Caradonna e dell'Assessore al Personale del V Municipio Pungitore, nonché dell'ex Presidente, Giovanni Ortu. Prima dell'inizio dei lavori, l'assemblea ha osservato un minuto di silenzio per l'immatura scomparsa di Flavio Frau membro del Direttivo uscente,.

Dopo l'apertura dei lavori, i rappresentanti del V Municipio hanno espresso vivo apprezzamento per i valori di cui i sardi sono portatori e per la loro laboriosità: doti che hanno indotto a programmare la promozione di comuni iniziative sul piano delle rispettive culture, tradizioni ed economie.

Nella sua introduzione, Corda ha ricordato le traversie subite per la prolungata mancanza di una sede sociale, superate per la sensibilità dimostrata dai rappresentanti del V Municipio, ai quali l'assemblea ha tributato un caloroso applauso.

Quindi Corda ha invitato gli iscritti ad impegnarsi, con spirito volontaristico e solidaristico, per restituire all'ACRASE pieno fulgore, attraverso iniziative de azioni che rispondano alle esigenze ed alle aspettative di tutti i sardi. Corda, infine, ha riproposto all'assemblea l'elezione di Giovanni Ortu a Presidente d'onore dell'ACRASE per averla fondata e, per lunghi anni, diretta in modo esemplare e con unanime consenso avendo sempre operato con appassionato altruismo, con apprezzata professionalità e, in massimo grado, con profonda umanità.

Nonostante la prolungata, calorosa ovazione tributatagli dall'assemblea, però, Ortu - visibilmente commosso - ha rifiutato l'incarico onorifico, ma ha assicurato di essere disposto e disponibile a collaborare con gli amministratori. Quindi Ortu ha richiamato le proposte da lui avanzate anche in altre epoche e sedi, in materia di previdenza ed assistenza, di lingue e cultura, di informazione e comunicazione, di associazionismo. Ha ricordato, altresì, le insistenti sollecitazioni - specie dopo l'approvazione delle leggi costituzionali sull'esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all'estero e sulla loro rappresentanza parlamentare - il completamento dell'anagrafe e l'adozione del regolamento per la concreta applicazione delle richiamate leggi, nonché l'inderogabile necessità ed urgenza di attuare le deliberazioni assunte dalla Conferenza permanente.

Sul piano regionale, Ortu ha riproposto sei iniziative: 1) per la nascita, per il sostegno e per la crescita di nuova imprenditorialità che crei nuove occasioni di lavoro durature e riduca i flussi migratori; 2) per la indizione della Conferenza regionale dell'emigrazione, previo aggiornamento all'anagrafe dei sardi residenti fuori dalla Sardegna; 3) l'estensione, ai cittadini italiani di origine sarda residenti all'estero, dell'esercizio del diritto di voto per corrispondenza nelle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale e del diritto di avere in esso una propria rappresentanza; 4) l'estensione alla Consulta regionale dell'emigrazione delle prerogative attribuite dalla legge a CGIE; 5) l’istituzione di un Dipartimento con il compito di predisporre e finanziare . in sede di Giunta e sentita la Consulta - i programmi da realizzare attraverso convenzioni onerose con l'Associazionismo; 6) la promozione di convenzioni con le Agenzie quotidiane di stampa dell'emigrazione per la divulgazione dell'attività legislativa del Consiglio.

A conclusione del dibattito, l'assemblea ha approvato la relazione di Corda e le proposte di Ortu. La stessa assemblea ha poi proceduto all'elezione dei membri del Direttivo e del Collegio dei sindaci che sono risultati così composti: E. Corda, P. Gallu, P. Mattu, M. Deiana, F. Meloni, A. Fadda, R. Castelli, G. Piras, A. Barea, T. Puddu, F. Sanna, M. Manca, e M. Morittu. Successivamente, i membri del Direttivo hanno proceduto all'elezione del Presidente dell'Associazione (Efisio Corda), del Vice Presidente vicario (Peppino Gallu), del 2° Vice Presidente (Pasquale Mattu) e dei responsabili delle Commissioni di lavoro. (Inform)


Vai a: