* INFORM *

INFORM - N. 72 - 15 aprile 2003

L’Assemblea del CGIE approva un ordine del giorno sulle "questioni dell’informazione concernente gli italiani all’estero"

ROMA - L’Assemblea plenaria del CGIE ha approvato all’unanimità un ordine del giorno della Prima Commissione concernente l’informazione per gli italiani all’estero. Eccone il testo:

La Prima Commissione Informazione e Comunicazione del CGIE:

ritiene necessario che la ristrutturazione degli interventi finanziari nel settore informazione si richiami all’esigenza del reale potenziamento delle strutture già esistenti sul campo e che lavorano da anni nel settore dell’informazione italiana all’estero, dando dimostrazione di realizzare un buon servizio anche in presenza di finanziamenti limitati;

ritiene che debba in ogni caso prevedere rapporti con strutture che operano nel settore da diversi anni ed abbiano quindi fornito garanzie in concreto, sulla capacità di realizzare un servizio adeguato;

ritiene che nelle sedi competenti si debba, comunque, prevedere un’integrazione del capitolo di bilancio da cui l’Ufficio II della DGIEePM finanzia l’informazione;

prende atto che il problema di informazione di ritorno, per quanto riguarda la parte televisiva, è stato affrontato nella convenzione stipulata tra il MIM e la RAI che rimane il problema dell’informazione su carta stampata, in particolare a livello regionale, la cui soluzione richiede un ulteriore riflessione e l’esistenza di strutture e contatti operativi in Italia;

prende atto con interesse dei contenuti di un progetto di fattibilità nel settore di comunicazione tecnologica illustrata durante i lavori della Commissione;

esprime apprezzamento per i progetti presentati da varie testate già esistenti, sottoposti all’attenzione della Commissione, che si pongono l’obiettivo strategico dell’informazione di ritorno ritenendo tuttavia che tali progetti necessitino la partecipazione di altri soggetti, in primo luogo le strutture informative in Italia.

La Commissione, infine, ritiene che essendosi costituita la Publifusie S.r.l., struttura specificamente rivolta alla raccolta ed alla distribuzione della pubblicità per le testate italiane all’estero, sia auspicabile che, d’ora in poi, il flusso pubblicitario istituzionale verso tali testate passi attraverso tale Società che, facendo capo alla FUSIE, offre le più ampie garanzie di trasparenza, pluralismo e democraticità. (Inform)


Vai a: