* INFORM *

INFORM - N. 68 - 8 aprile 2003

Fondazione Cassamarca e Umanesimo Latino

De Poli a Roma alla riunione dei Direttori degli Istituti di Cultura. A Treviso convegno su "La cultura umanistica spagnola"

TREVISO - Prosegue l’impegno di Fondazione Cassamarca in favore della promozione della lingua e della cultura italiana all’estero. Il Presidente avv. on. Dino De Poli ha tenuto recentemente una relazione al Ministero degli Esteri in occasione della riunione dei Direttori degli Istituti Italiani di Cultura. Nel suo intervento, De Poli ha ricordato il vasto impegno della Fondazione Cassamarca e ha messo in luce il significato dell’attività di promozione culturale sul territorio nazionale, attraverso l’istruzione universitaria, e soprattutto all’estero: "una caratteristica fondamentale della mia Fondazione - ha detto De Poli - è la politica per gli italiani che vivono all’estero, per i quali la cultura serve non solo per riscoprire le proprie radici ma soprattutto per vedere cosa le radici hanno prodotto, quali frutti hanno generato ed è per questo che ci rivolgiamo soprattutto alle ultime generazioni di discendenti di emigrati".

Tra le iniziative più recenti anche il convegno, svoltosi il 4 aprile a Treviso al Palazzo dell’Umanesimo Latino sul tema "La cultura umanistica spagnola". Il convegno ha inaugurato la collaborazione tra la Fondazione Cassamarca e l’Istituto Cervantes spagnolo, che ora ha una propria sede presso il Palazzo dell’Umanesimo Latino. Attraverso tale sodalizio, la Fondazione Cassamarca si propone, nell’ambito del progetto "Umanesimo Latino nel mondo", di stabilire e stringere sempre più il rapporto e lo scambio culturale fra Spagna e Italia.

L’Istituto Cervantes ha una sede presso l’Università d’Alcalà di Henares di Madrid, ove entrambe le istituzioni sviluppano in collaborazione seminari e corsi di dottorato di ricerca.

Anche la Fondazione Cassamarca è presente all’interno dell’Università d’Alcalà di Henares con una cattedra dedicata all’ "Umanesimo Latino e le culture della frontiera mediterranea", motivo questo che le permette di potenziare la rete (attraverso professori esperti, centri di diffusione e pubblico a cui si rivolge) per l’approfondimento, il dibattito e la diffusione del programma "Umanesimo Latino nel mondo". (Inform)


Vai a: