* INFORM *

INFORM - N. 60 - 27 marzo 2003

Una edizione speciale del "Dossier Statistico Immigrazione" in inglese ed un sunto in 14 lingue: l’immigrazione come legame tra i popoli

ROMA - L’Italia, polo di crescente attrazione dei flussi migratori, è diventato un grande paese di immigrazione con quasi 2 milioni e mezzo di immigrati dopo la regolarizzazione.

II progetto Equal "L’immagine degli immigrati in Italia tra media, società civile e mondo del lavoro", coordinato dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, l’Archivio dell’Immigrazione e la Caritas di Roma, ha tra i suoi principali obiettivi quello di favorire una migliore conoscenza del fenomeno migratorio. Una importante iniziativa in tal senso consiste nella preparazione di una speciale edizione in inglese del "Dossier Statistico Immigrazione", destinata a essere diffusa all’estero, tra le ambasciate, gli organismi internazionali, le associazioni degli immigrati e gli studiosi ed una sua sintesi in varie lingue estere.

A tal fine, nei giorni 28 e 29 marzo, presso il CNEL, è stato convocato un comitato scientifico internazionale, del quale fanno parte il CNEL, esperti di altri paesi (Albania, Belgio, Brasile, Francia, Germania, Gran Bretagna, Marocco, Romania, Spagna, Tunisia, Stati Uniti), noti studiosi di Università e Centri Studio italiani e i redattori centrali e le organizzazioni promotrici del "Dossier Caritas/Migrantes".

Introdurrà i lavori Giorgio Alessandrini (CNEL), presidente dell’Organismo Nazionale di Coordinamento delle politiche di integrazione sociale degli stranieri, che ne ha così sottolineato il significato: "Condividiamo questo progetto che favorisce, oltre il superamento delle barriere linguistiche, la conoscenza del fenomeno migratorio nel nostro paese e, quindi, la condizione stessa per realizzare le politiche di integrazione, autentica sfida civile, ed un’ordinata convivenza". Dopo le relazioni di Luca Dall’Oglio (OIM) e Guerino Di Tora (Caritas), il Comitato analizzerà e perfezionerà il testo del rapporto da tradurre in lingua inglese, mentre nel mese successivo è prevista la sua pubblicazione.

La seconda iniziativa, strettamente congiunta, consiste nella pubblicazione di una sintesi del "Dossier" in 14 lingue estere tradotta da immigrati residenti in Italia: nelle principali lingue dell’Unione Europea: francese, inglese, portoghese, spagnolo e anche catalano, tedesco ; nella lingua araba; nelle principali lingue dell’Europa dell’Est: albanese, croato-bosniaco, ceco, polacco, rumeno, russo, ungherese. Questo sunto del "Dossier" presenta i dati essenziali riguardanti la collocazione degli immigrati nel mercato occupazionale e nella società italiana e li completa con due ampie tabelle. Questa "biblioteca in lingua", che verrà ampiamente pubblicizzata via internet e attraverso la stampa, potrà essere consultata nel sito del Progetto Equal www.immagineimmigratitalia.it e nel sito della Caritas di Roma www.caritas roma.it/immigrazione.

"Il progetto Equal su "L’immagine degli immigrati", con queste e altre iniziative, sta entrando nel pieno della sua attività" ha dichiarato Luca Dall’Oglio, capo missione dell’OIM in Italia e ha aggiunto: "Con l’edizione speciale del Dossier in inglese e le sintesi in 14 lingue raggiungiamo due obiettivi. Da un lato promuoviamo una logica di valutazione transnazionale e di confronto dei fenomeni migratori in Italia attraverso il coinvolgimento di studiosi di altri paesi, sia di emigrazione che di accoglienza. Dall’altro lato vogliamo far conoscere meglio la realtà italiana con dati attendibili che, opportunamente condivisi, miglioreranno la comprensione dei trend migratori ". A sua volta per mons. Guerino Di Tora (Caritas di Roma) "se è vero che questo fenomeno ci accompagnerà in misura crescente nel corso del secolo, è importante abituarci quanto prima a lavorare in rete e a considerare l’immigrazione un’occasione preziosa di legame tra i popoli" (Inform)


Vai a: