* INFORM *

INFORM - N. 59 - 26 marzo 2003

MediaClub sull’incontro di Berlino degli operatori dell’informazione

BERLINO - Si è tenuto a Berlino il 21 marzo scorso, organizzato dall’Ambasciata d’Italia e dal Mediaclub - il Club degli operatori italiani dell’informazione in Germania, aderente alla Federazione Nazionale della Stampa Italiana - un incontro tra i giornalisti che si occupano di emigrazione italiana, i corrispondenti dei media italiani in Germania, lo organizzazioni sindacali e le associazioni di stampa italiane e tedesche. Presenti al convegno erano anche rappresentanti di Comites e CGIE.

Scopo dell’incontro era triplice. Da una parte si volevano superare la distanza e la incomunicabilità che spesso si creano tra coloro che si occupano di stampa di emigrazione e i corrispondenti venuti dall’Italia. Si volevano creare occasioni di incontro che potranno diventare regolari per trovare sempre più le sinergie di un lavoro comune nell’interesse del sistema Paese che si allarga anche agli italiani in Germania. Erano presenti a Berlino i corrispondenti del ‘Corriere della Sera’, della ‘Stampa’, del ‘Messaggero’, di ‘Repubblica’, dell’Ansa, della RAI, del ‘Popolo’, del ‘Corriere dello Sport’.

Scopo dell’incontro era anche quello di trovare sinergie tra chi, sul versante italiano, si occupa di comunicazione. In vista anche del voto all’estero diventa infatti sempre più importante discutere sulla nostra funzione sociale e politica di comunicatori. In questo senso è stata importante al convegno la presenza di Luigi Roncisvalle, segretario generale aggiunto della FNSI, di Giancarlo Tartaglia, direttore nazionale FNSI in rappresentanza anche dell’Ordine Nazionale; di Domenico de Sossi e Giuseppe della Noce, rispettivamente presidente e segretario generale della FUSIE. La necessità di un lavoro comune tra le organizzazioni che si occupano di stampa e, nello specifico, di stampa dell’emigrazione, è divenuta impellente.

Il terzo livello era costituito dalla necessità di incontro con coloro che si occupano di stampa in Germania. Erano presenti al convegno i rappresentanti della Süddeutsche Zeitung, di Radio Multikulti, del WDR, del Sender Freiberlin, solo per citare i media più importanti. Da parte tedesca erano inoltre presenti esponenti della direzione nazionale dei sindacati tedeschi della stampa: DJV e Verdi Medien.

Con questi ultimi si è concordato un incontro ristretto entro maggio per discutere sulla funzione della comunicazione in madrelingua o in lingua mista per le minoranze in Germania. Questo era uno degli scopi più importanti e attuali del convegno.

Sono stati inoltre proposti una frequenza regolare degli incontri, un premio per chi si occupa di giornalismo all’estero e corsi di formazione per giovani giornalisti bilingue. (Inform)


Vai a: