* INFORM *

INFORM - N. 58 - 25 marzo 2003

Missione in Croazia del Vice Ministro alle Attività Produttive Urso: "L’industria italiana in prima linea"

ROMA - "Con un investimento di 226 milioni di euro nei primi 10 mesi del 2002, l’Italia si è confermata il primo partner commerciale della Croazia. Una posizione che il governo italiano vuole rafforzare e da domani con oltre 120 imprese al seguito studieremo la possibilità di far nascere nell’immediato nuovi distretti industriali". E’ quanto ha affermato Adolfo Urso, Vice Ministro alle Attività Produttive con delega al Commercio Estero alla vigilia della visita a Zagabria con una delegazione di imprenditori italiani, la gran parte del Nord Est e della riviera Adriatica.

"Siamo già in primo piano nel settore bancario - ha ricordato Urso - così come nella grande distribuzione, nei gas industriali, nel tessile. Gli investimenti italiani in Croazia stanno puntando adesso sulla meccanica, l’agroalimentare, l’arredamento e il turismo. Prospettive interessanti, anche perché da parte italiana possono intervenire i fondi della legge 84 che l’Italia stanzia per aiutare le imprese a lavorare nell’area. Negli ultimi due anni, gli investimenti italiani in Croazia sono stati più importanti di quanto fosse avvenuto nei precedenti otto. Segno che il business italiano fiuta l’approssimarsi della Croazia alla casa europea, e il suo ruolo strategico in vista dell’allargamento a Est". (Inform)


Vai a: