* INFORM *

INFORM - N. 55 - 20 marzo 2003

Milva in tournée a sostegno della campagna SOS Argentina

VENEZIA - Per la prima volta in tournée italiana, Milva presenterà l'operita tango "Maria de Buenos Aires" di Astor Piazzolla e Horacio Ferrer, con l'allestimento dell'Associazione Bel Teatro di Padova e la regia di Roberto Innocente. La prima assoluta è in programma sabato 22 al Teatro comunale di Adria (Rovigo), a cui seguirà il 28 marzo l'esibizione a Venezia al Teatro Goldoni.

Le altre rappresentazioni a Padova (Teatro Verdi, 29 marzo), Brentonico in provincia di Trento (Teatro Monte Baldo, 30 marzo), Schio in provincia di Vicenza (Teatro Astra, 1 aprile), Avellino (Teatro Gesualdo, 10-11 aprile), Bari (Teatro Team, 12-13 aprile), Bologna (Teatro Duse, 6-11 maggio). Lo spettacolo ha il patrocinio della Campagna nazionale di solidarietà S.O.S. Argentina, progetto promosso dalla Regione del Veneto e realizzato dalla Confederazione Giovanile dei Veneti nel Mondo.

L'iniziativa è stata presentata a Palazzo Balbi a Venezia dagli assessori regionali alla cultura Ermanno Serrajotto e ai flussi migratori Raffaele Zanon, dalla stessa Milva e dal regista Roberto Innocente. Era presente anche il direttore del conservatorio "A. Buzzolla" di Adria Giorgio Fabbri, che partecipa direttamente alla produzione dello spettacolo con i suoi musicisti dell'Ensemble Laboratorio Novecento, insieme al gruppo argentino Tangoseis.

Una parte dell'incasso sarà devoluta a sostegno della campagna con cui il Veneto è impegnato a raccogliere medicinali, genere alimentari e aiuti economici per il paese sudamericano afflitto da una pesante crisi congiunturale, con oltre 5 milioni di disoccupati. "Un connubio tra cultura, arte e solidarietà", l'ha definito l'assessore Zanon che è stato di recente in Argentina dove la situazione è apparentemente un po' più tranquilla in attesa di nuove elezioni, ma resta grave soprattutto per le fasce più deboli della popolazione, anziani e bambini. "Il Veneto - ha aggiunto - è in prima fila nel dimostrare la sensibilità che la nostra comunità è in grado di esprimere nei confronti dell'Argentina, in cui è molto numerosa la popolazione di origine italiana e veneta".

Le finalità umanitarie della campagna promossa dalla Regione sono state sottolineate anche dall'assessore Serrajotto, che ha posto l'accento su questo ulteriore aspetto culturale che si è potuto realizzare grazie al coinvolgimento di più soggetti. Alcune delle caratteristiche dello spettacolo sono state illustrate dal regista Innocente che ha spiegato che non ci sarà scena proprio per evidenziare il valore simbolico dell'opera. Saranno inseriti anche cinque spezzoni di proiezioni su Buenos Aires e l'Argentina, che saranno sulla stessa linea di poesia che sta dietro a tutta l'operita tango di Piazzolla e Ferrer.

Milva ha ricordato che questa è la quinta volta che interpreta "Maria de Buenos Aires" nella sua carriera. La prima volta è stato nel 1998 al Teatro Massimo di Palermo, poi a Bolzano e successivamente con due tournée: una in Germania e l'altra in Giappone. Questa è dunque la prima tournéè in Italia. La cantante ha lavorato a lungo con Piazzolla, che ha scritto delle canzoni appositamente per lei. Milva ha fatto presente di essere l'unica ad avere avuto la partitura di "Maria de Buenos Aires" direttamente da Piazzola. "E' una grande allegoria - ha aggiunto - non solo del popolo argentino, ma di tutta l'umanità".

La cantante sarà affiancata sul palcoscenico da musicisti, cantanti, attori e ballerini tra cui José Angel Telles cantor argentino, Gilberto Pereyra allievo di Piazzolla e Vicky Schaetzinger direttrice del complesso Tangoseis. (Inform)


Vai a: