* INFORM *

INFORM - N. 55 - 20 marzo 2003

Da Durban un appello a favore della pace: riconoscere l’autorità dell’Onu

DURBAN - In occasione della riunione a Durban della Commissione Continentale del CGIE per i Paesi anglofoni extra-europei, dieci consiglieri e un esperto hanno lanciato un appello a favore della convivenza pacifica e della salvaguardia dell’autorità delle Nazioni Unite

«I sottoscritti Consiglieri della Commissione Continentale dei Paesi Anglofoni extra-europei del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero, riunitasi a Durban (Sud Africa) dal 10 al 12 marzo 2003, prendono atto che in questo periodo si è di fronte ad un catastrofico scenario di morte e di distruzione che interessa tutta l’umanità.

I Consiglieri ritengono che siamo di fronte ad un problema epocale e, sicuramente prioritario, che è quello della convivenza mondiale e, ispirandosi all’indimenticabile messaggio della non violenza di Gandhi vissuto proprio in questa città di Durban che ha ospitato i nostri lavori, fa appello ad una vera e propria convivenza pacifica e civile nel villaggio globale.

I Consiglieri stigmatizzano che nella società del benessere vi è ancora tanta, troppa gente trincerata in una specie di torre d’avorio, convinta che la forza, la soperchieria, l’arricchimento, il successo siano gli unici parametri per misurare il grado di civiltà dell’uomo.

Da questo modo di intendere la vita e di interpretare la politica il passo per avventure violente e squinternate è veramente breve. Si chiami terrorismo, guerra preventiva, sterminio di massa, per fame o distruzione ecologica, si tratta sempre delle tante facce della stessa medaglia, quella dell’egoismo che regola i rapporti personali, sociali e tra gli Stati.

I Consiglieri ritengono, infine, che si debba riconoscere la piena e incondizionata autorità dell’Organizzazione delle Nazioni Unite come fattore di equilibrio e di stabilità nel contesto internazionale».

L’appello è stato sottoscritto dai consiglieri Luigi Casagrande, Daniela Tuffanelli Costa, Lorenzo Della Martina, Rocco Di Trolio, Arnalda Lancellotti Bartoli, Franco Fatiga, Silvana Mangione, Maurizio Mariano, Domenico Marozzi, Pietro Schirru. L’appello è stato sottoscritto anche dall’esperto Gianfranco Cresciani proveniente dall’Australia (Inform)


Vai a: