* INFORM *

INFORM - N. 55 - 20 marzo 2003

Riunita a Durban dal 10 al 12 marzo la Commissione Continentale del CGIE per i Paesi anglofoni extraeuropei.

Il documento finale

DURBAN - La Commissione Continentale dei Paesi Anglofoni extraeuropei, riunita a Durban dal 10 al 12 marzo 2003, fa proprio il documento finale redatto dagli esperti intervenuti per il Sudafrica, l’Australia e gli Stati Uniti sui lavori della prima giornata, dedicata al Sudafrica sul tema "40 anni dalla fine dell’emigrazione di massa: recupero dei giovani tramite la cultura e la lingua italiana, tutela degli anziani, tutela dei bisognosi, disoccupazione e imprenditorialità" e lo allega al presente Documento.

1) In materia di aggiornamento anagrafico la Commissione rileva che, data la vastita’ dei territori dei Paesi Anglofoni extraeuropei, e’ di primaria importanza la massima diffusione dell’informazione. A questo proposito chiede che per completare l’aggiornamento dell’anagrafe, ivi compresi i chiarimenti necessari in materia di opzioni, vengano messi a disposizione dei Consolati ulteriori mezzi finanziari per la realizzazione di una campagna d’informazione che coinvolga nella sua predisposizione Comites e CGIE. Ritiene inoltre che debba essere avviata al più presto una campagna di educazione civica sulle forme di esercizio di voto all’estero da affidare ai Comites, al CGIE, ai Patronati e alle Associazioni Nazionali dell’Emigrazione, ove presenti in loco. Rilevato che in alcune Circoscrizioni consolari il numero delle opzioni per il voto in Italia è stato superiore alla media, chiede che i Consolati contattino i singoli connazionali per verificare la consapevolezza della scelta.

2) In materia di rinnovo dei Comites la Commissione Continentale, nell’apprendere che e’ stato avviato l’iter di presentazione di uno schema di disegno di legge, ribadisce con forza la volontà espressa nell’ordine del giorno approvato all’unanimità durante l’Assemblea Plenaria Straordinaria del CGIE del dicembre 2002, in cui si chiedeva che il rinnovo dei Comites avvenisse entro giugno 2003 e comunque con la nuova legge di riforma elaborata dal CGIE.

3) La Commissione chiede che venga rivisto il meccanismo di fissazione dei costi dei contributi da riscatto che, vista la particolare situazione previdenziale del Sudafrica, diventa eccessivamente oneroso per i connazionali ivi residenti.

4) Per quanto riguarda il Convegno dei Diritti, la Commissione chiede un adeguato livello di coinvolgimento del CGIE in tutte le fasi preparatorie e realizzative di questa iniziativa che tratterà temi d’importanza fondamentale per le comunità italiane all’estero.

5) Per quanto concerne la Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo, la Commissione sollecita l’adozione degli strumenti legislativi che consentano il finanziamento dell’iniziativa affinche’ si possa procedere nella preparazione, prevedendo nel Comitato Organizzatore l’inserimento di un’adeguata rappresentanza del CGIE per aree geografiche.

6) In materia d’informazione la Commissione esprime soddisfazione per la conclusione di una Convenzione sull’informazione di ritorno fra il Ministro per gli Italiani nel Mondo e la RAI, per l’accoglimento della richiesta di societarizzazione di Rai International proposta dal CGIE, nonché per l’avvio a soluzione della questione Rai International in Canada. Altrettanta soddisfazione esprime per l’accoglimento della richiesta di pubblicità istituzionale per le testate all’estero. Prende inoltre atto dell’aumento del finanziamento destinato alla "carta stampata", che considera tuttavia insufficiente. Riafferma l’auspicio che siano previsti contributi finanziari anche per i mezzi di informazione audiovisivi e telematici.

7) Per quanto concerne la promozione e la diffusione della lingua e cultura italiana, la Commissione prende atto dell’istituzione di un tavolo tecnico dedicato all’esame di un’articolato di legge per la riforma della 153/1971 e chiede con fermezza che tale bozza di articolato venga immediatamente messa a disposizione dei Consiglieri del CGIE in modo che gia’ dalla prossima convocazione in aprile essa venga sottoposta all’esame dell’apposita Commissione tematica e quindi dell’Assemblea Plenaria del CGIE.

8) La Commissione Continentale prende atto della profonda insoddisfazione dei Consiglieri del CGIE, che lamentano la mancata applicazione della Legge istitutiva del Consiglio Generale, in quanto il loro ruolo non viene riconosciuto e fatto riconoscere ad ogni livello, stante la scarsa informazione, comunicazione, consultazione e coinvolgimento degli stessi da parte degli organismi istituzionali a ciò impegnati per legge. (Inform)


Vai a: