* INFORM *

INFORM - N. 47 - 107 marzo 2003

Musica del Mediterraneo a Copenaghen

COPENAGHEN - Dal vigore alla malinconia, dall'orgoglio al dolore, dalla vitalità alla gioia: sono tante le sensazioni che suscitano le musiche del Mediterraneo quando vengono interpretate con grande professionalità e in modo originale dal quartetto di cui fanno parte due chitarristi italiani, Ester Poli e Leopoldo Saracino e due flautisti tedeschi, Katharina Böhm e Daniel Haupt.

Il loro prossimo appuntamento è a Copenaghen il 13 marzo alle 19,30, per un concerto nell'Auditorium dell'Istituto Italiano di Cultura. Qui il quartetto si esibirà con musiche di diversi compositori appartenenti all'area mediterranea come Federico Garcia Lorca e Manuel De Falla per la Spagna, Gioacchino Rossini e Nino Rota per l'Italia, Marcel Ravel e Georges Bizet per la Francia e Mikis Theodorakis per la Grecia. E’ un concerto organizzato in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, dove i quattro musicisti si esibiranno mercoledì 12 marzo nel corso di una delle loro tournée nell'Europa del Nord. Ed il Nord Europa è stato da sempre una grande fonte d'ispirazione per l'italiana Ester Poli che ha vissuto per diversi anni in Norvegia a contatto con la cultura musicale norvegese. Tanto in Norvegia quanto in Svezia, in Danimarca e nei paesi baltici Ester Poli ha svolto sinora la sua maggiore attività concertistica sia come solista e sia in ensamble con musicisti scandinavi e con l'orchestra. Negli ultimi anni però con il suo quartetto ha tenuto concerti anche in Italia, in Svizzera, in Slovenia e in Germania con un repertorio tradizionale, di cui fanno parte partite di Bach e suonate di Scarlatti che lei stessa ha trascritto, musiche rinascimentali dell'Ottocento e del Novecento oltre a quelle di autori spagnoli e sudamericani. E con un repertorio nordico che presenta soprattutto musica contemporanea, del Romanticismo e popolare.

Questa ampia gamma di stili musicali fa parte anche del repertorio di Musica del Mediterraneo del quartetto di flauti e chitarre che a volte si avvale del mandolino e di strumenti percussivi. Sono strumenti necessari soprattutto nell'interpretazione delle belle canzoni tradizionali napoletane in programma per concludere il prossimo concerto che si terrà a Copenaghen.

L’Ambasciatore d’Italia, Antonio Catalano di Melilli, e l’Addetto Culturale dell’Ambasciata tedesca, Dr. Sibilla Pfaff, hanno già annunciato la loro presenza alla serata musicale. Per il programma della serata consultare la pagina web: www.iic.dk/eventi/poli_it.html. (Inform)


Vai a: