* INFORM *

INFORM - N. 45 - 6 marzo 2003

Presentato a Bruxelles "Il triangolo della ricchezza" di Gianni Pittella

BRUXELLES - Si è tenuta il 5 marzo presso la sede del Parlamento Europeo di Bruxelles la presentazione del nuovo libro di Gianni Pittella "Il triangolo della ricchezza", che tratta i temi della politica di coesione nell'Unione Europea allargata. La presentazione, moderata dal corrispondente di Radio Cor-Il Sole 24 Ore Antonio Pollio Salimbeni, è stata aperta dall'on. Pasqualina Napoletano, capo delegazione dei DS al Parlamento Europeo ed ha accolto i contributi al dibattito degli eurodeputati Giorgio Napolitano, presidente della commissione affari costituzionali del PE, Guido Podestà, vicepresidente del Parlamento europeo, Terry Wynn, presidente della commissione ilanci ed infine del prof. Robert Leonardi, docente di Politiche comunitarie presso la London School of Economics. Al centro delle posizioni, talvolta contrastanti, espresse nel corso del dibattito, il tema della revisione della politica di coesione e della necessità di mantenere e rafforzare tale politica al fine di colmare i divari che persistono, tra le diverse aree dell'Europa, e che minacciano di accentuarsi nell'Unione allargata.

Pittella, che è anche responsabile per gli italiani all’estero dei Democratici di Sinistra, ha attirato l'attenzione su alcuni degli interventi auspicabili per ottimizzare le azioni finanziate dalle politiche strutturali e correggerne inefficienze e ritardi. Il relatore permanente per i Fondi strutturali ritiene indispensabile, a tal fine, un'ulteriore assunzione di responsabilità delle autonomie regionali e locali che lasci al livello europeo le linee guida e le finalità di fondo ed una maggiore attenzione per la qualità della spesa. Obiettivi primari dovranno essere il potenziamento delle reti infrastrutturali materiali e immateriali, delle attività di ricerca, d'insediamento di sistemi di controllo di qualità, d'introduzione e diffusione delle nuove tecnologie, di innovazione della Pubblica Amministrazione, di internazionalizzazione delle imprese e del patrimonio complessivo del Mezzogiorno.

Il Commissario alla politica regionale, Michel Barnier, pur non avendo potuto prendere parte all'incontro, ha rivolto all'autore un messaggio di stima, definendo il libro un' "opera ricca nei contenuti" che "sostiene diverse idee a me care, quali il ruolo specifico e insostituibile del contributo dei Fondi strutturali ad una maggiore coesione territoriale e la necessità di gestire questi fondi con più rigore e attraverso una maggiore semplificazione delle procedure, nonché la necessità di fare di tale politica una priorità dopo il 2006". (Inform)


Vai a: