* INFORM *

INFORM - N. 42 - 3 marzo 2003

Costituzione Europea: Sicilia Mondo chiede l’adozione della Convenzione Onu sui diritti dei lavoratori migranti e loro famiglie

CATANIA - La sessione plenaria della Convenzione europea ha iniziato a discutere gli emendamenti sulla stesura dei primi sedici articoli sulla futura Costituzione europea presentata dal Presidente della Convenzione Valery Giscard D’Estaing.

"Sicilia Mondo" ha scritto al vice presidente della Convenzione Giuliano Amato, ai ministri Tremaglia e Buttiglione nonché agli europarlamentari siciliani per chiedere alla Convenzione Europea di volere inserire accanto alla Carta dei diritti fondamentali, già recepita come parte integrante della Costituzione, l’adozione della Convenzione Internazionale dei diritti dei migranti adottata dall’Onu il 18 dicembre 1990 e già operativa in 20 Stati membri delle Nazioni Unite.

"Le motivazioni della richiesta - osserva il presidente di Sicilia Mondo Domenico Azzia - partono da lontano ma sono più che mai attuali. Tutta la storia dell’umanità, infatti, è segnata dalle migrazioni dell’uomo, in tutti i tempi della sua esistenza ed in tutte le latitudini della terra. Anche oggi. Sono oltre 185 milioni le persone che attualmente vivono fuori dai propri confini, in situazioni di permanente vulnerabilità. Impegnarsi per la loro protezione è un atto di grande umanità e di giustizia ma anche di civiltà ricordando che i migranti, in ogni tempo, hanno costruito, spesso sulla propria pelle, il decollo e la ricchezza dei popoli che li hanno ospitati. Senza contare dell’apporto delle culture di provenienza alle civiltà locali. Una Carta costituzionale che nasce per regolamentare la società del III° millennio e per gestire 25 Stati con 500 milioni di persone, non può ignorare l’esistenza di una fascia tanto diffusa della società così debole e, nello stesso tempo, così determinante per la pace e la convivenza dei popoli".

Per la stessa ragione "Sicilia Mondo" è convinta che la Carta costituzionale dell’Europa non può non citare le radici cristiane richieste recentemente da voce autorevole ed illuminata e nello stesso tempo punto di riferimento di profonde convinzioni radicate in 2000 anni di storia europea. Una Costituzione senza anima e senza etica si ridurrebbe in un contenitore di regole, di politiche comuni e di mercato. Sulla richiesta alla Convenzione Europea, "Sicilia Mondo" - che ha già chiesto al Governo italiano la ratifica della Convenzione Internazionale dell’Onu del 18 dicembre 1990 sulla protezione dei migranti e delle loro famiglie - chiede l’impegno ed il coinvolgimento degli europarlamentari siciliani (Inform)


Vai a: