* INFORM *

INFORM - N. 39 - 26 febbraio 2003

La Commissione Informazione e Comunicazione del CGIE sulla questione Rai-Canada

ROMA - Bruno Zoratto (CGIE) scrive al Presidente della Commissione parlamentare di vigilanza sui servizi radiotelevisivi, sen. Claudio Petruccioli, per ribadire la posizione della Commissione Informazione e Comunicazione del Consiglio Generale, da lui presieduta, sulla questione della diffusione del segnale di Rai International in Canada. La nota che segue è stata inviata anche ai singoli componenti della Commissione Informazione, al Segretario generale del CGIE Franco Narducci e al Ministro per gli Italiani nel mondo Mirko Tremaglia.

Premesso che la "questione Rai-Canada" è da tempo oggetto di attenzione e di analisi da parte della Commissione "Informazione e Comunicazione" del CGIE;

visto che dal 14 novembre 2002 la direzione di Rai International, dopo aver sentito i Comites e il CGIE, aveva predisposto la linea unitaria da seguire per risolvere l'annoso problema;

visto che la posizione della nostra comunità era, ed è, in sintonia assoluta con quella espressa dalla dirigenza di Rai International - comunità che ha raccolto a sua volta con una petizione quasi 40 mila adesioni;

considerato l'unanime desiderio di tutte le istanze rappresentative degli italiani in Canada, che insistono per l'annullamento definitivo di ogni rapporto con Telelatino (TLN), presupposto inscindibile per la definitiva soluzione del problema;

constatata l'urgente necessità di dare corso definitivo per presentare regolare richiesta all'Authority canadese CRTC, che controlla il rilascio delle licenze,

condanna l'assurdo comportamento di Antonio Baldassarre, presidente della Rai, rivolto a provocare una scandalosa battuta d'arresto al procedimento in atto per ottenere in forma definitiva la ricezione dei programmi della Rai in Canada,

la prima Commissione del CGIE, interpretando lo sdegno della nostra comunità, chiede un Suo urgente intervento affinché al prossimo Consiglio di Amministrazione venga tolto ogni rinvio all'adozione della delibera di autorizzazione a Rai International di presentare alla Authority canadese CRTC la richiesta formale di concessione della licenza di trasmissione diretta in Canada, per permetter così a quella numerosa comunità di avere 24 ore al giorno i programmi dell'ente pubblico Rai. (Inform)


Vai a: