* INFORM *

INFORM - N. 39 - 26 febbraio 2003

Novità per i Toscani all’estero

Il Consiglio regionale modifica il Piano pluriennale per gli interventi 2001-2005

FIRENZE - Più respiro per gli interventi a favore dei toscani all’estero. Lo stabilisce una delibera approvata dal Consiglio regionale, che prevede lo slittamento di alcune date di scadenza (di fatto rinviate al programma finanziario annuale) per la presentazione delle domande previste dal piano pluriennale 2001-2005 e soprattutto una diversa percentuale di ripartizione delle varie misure.

Il piano prevede: per le iniziative a favore dei giovani residenti all’estero un incremento dal 40 fino al 70 per cento; per il sostegno al funzionamento di Coordinamenti e Associazioni dall’11 fino al 32 per cento; per gli interventi sociali dal 5 fino al 25 per cento; per la promozione della cultura, ricerca e documentazione dall’1 fino al 22 per cento. A fianco di tale ripartizione, rimane un fondo di riserva attestato al 2 per cento.

Lucia Franchini (La Margherita), presentando il provvedimento, si è soffermata sulla flessibilità dei finanziamenti da destinare alle diverse misure previste dal piano e sul sostegno ai cittadini disagiati, in particolare in Argentina. Da qui l’importanza di eliminare le soglie fisse, per poter rispondere con più elasticità alle esigenze dei toscani all’estero. La Franchini ha inoltre ricordato che, in sede di commissioni congiunte, Cultura e Attività produttive, la Giunta è stata impegnata a riferire, ogni anno, sull’attuazione del piano.

Roberto Caverni (Forza Italia), sottolineando che il piano per i toscani all’estero è stato nelle finalità sempre condiviso da tutti, si è soffermato sulla struttura complessa dell’organizzazione e sulla necessità di avere una relazione completa sugli interventi, così da valutare costi e benefici.

L’assessore Mariella Zoppi si è impegnata a mandare una relazione circostanziata, di vero monitoraggio di ciò che è stato fatto, ed ha comunque assicurato che, "con i pochi soldi a disposizione, in tutto 750 mila euro l’anno, la Regione Toscana riesce a fare grandi cose". Tra queste il congresso nazionale dei giovani, giunto alla seconda edizione, in programma per il 24 e 25 aprile prossimi.

Il dibattito si è quindi chiuso registrando il voto favorevole dei gruppi di maggioranza e l’astensione tecnica del centro-destra, "in attesa di saperne di più". (Inform)


Vai a: