* INFORM *

INFORM - N. 33 - 18 febbraio 2003

Crisi in Venezuela - Audizione dei rappresentanti della comunità italiana alla Commissione Esteri della Camera

Chiesta l’estensione al Venezuela degli aiuti già previsti per l’Argentina

ROMA - I problemi politici, economici e sociali del Venezuela sono stati il 18 febbraio al centro di un’audizione informale, presieduta dall’on. Gustavo Selva, dei rappresentanti dei rappresentanti della comunità italiana nel Paese latino-americano davanti alla Commissione Esteri della Camera. Sono intervenuti i vice presidenti Ranieri e Rivolta e i deputati Crucianelli, Malgieri, Naro, Sereni e Spini.

Dopo un’introduzione del presidente Selva, che nei giorni scorsi aveva già incontrato i componenti della delegazione accompagnata dall’on. Romeo Ricciuti, si è svolto un ampio dibattito dedicato ai molteplici aspetti della difficile fase attraversata dal Venezuela e i cui effetti coinvolgono direttamente la nostra comunità costituita da oltre due milioni di persone, cioè quasi il dieci per cento dell’intera popolazione.

I nostri connazionali - è stato rilevato - intendono dare il massimo sostegno alla ricerca di una soluzione democratica della presente crisi e il contributo dell’Italia, sotto questo aspetto, è considerato particolarmente significativo.

L’Italia può esercitare la sua influenza nell’ambito del tavolo di negoziazione e di accordo, presieduto dal segretario dell’Organizzazione degli Stati Americani, Cesar Gaviria, contribuendo al piano proposto dall’ex presidente americano Jimmy Carter, che prevede elezioni presidenziali entro la fine dell’anno da perseguire attraverso un emendamento della Costituzione e un referendum revocatorio.

Fra le iniziative concrete a favore della comunità italiana, e di cui si è sollecitata la realizzazione, vi sono: l’estensione, anche per il Venezuela, degli aiuti già previsti per l’Argentina; la rimessa a regime della legge per la doppia cittadinanza; il rafforzamento degli uffici consolari esistenti e l’estensione della rete; aiuti alle piccole e medie imprese non solo da un punto di vista economico ma anche in quello della formazione professionale specifica. (Inform)


Vai a: