* INFORM *

INFORM - N. 26 - 7 febbraio 2003

Due progetti internazionali contro la violenza a donne e bambini. La Regione Lombardia stanzia 60 mila euro per aderire alle iniziative dell'UE

MILANO - La Regione Lombardia parteciperà alla realizzazione di due progetti, promossi dell'Unione Europea, per combattere la violenza contro i bambini, gli adolescenti e le donne. Lo ha deciso, su proposta dell'assessore alla Famiglia e Solidarietà sociale Gian Carlo Abelli, la Giunta regionale che ha anche stanziato i 60 mila euro (30 mila per ciascun progetto) richiesti dall'Unione Europea per cofinanziare i progetti, il cui costo complessivo è di 295 mila euro. Il primo progetto ''Rete europea per la protezione dei minori stranieri non accompagnati'' ha l'obiettivo di sviluppare l'interazione tra autorità pubbliche, Forze di polizia e associazioni che, nelle aree metropolitane, sono impegnate nell'attività di prevenzione, protezione e assistenza ai bambini e ragazzi di strada.

Al progetto, promosso dall'AICCRE (Associazione italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa), parteciperanno anche: le polizie municipali dei Comuni di Milano e di Napoli, i Comuni di Lione e di Barcellona, la cooperativa COPII della Romania, l'associazione IRENE e l'associazione Comunità Porta Nuova di Milano. L'altro progetto, che ha come partner la Regione Lombardia, ha come titolo ''Violenza alla donna in ambito familiare: reti pluridisciplinari pubbliche e private per l'individuazione precoce del fenomeno''. L'obiettivo è quello di sviluppare la capacità di individuare precocemente il fenomeno per favorire un intervento preventivo e tempestivo sia da parte dei servizi pubblici che del privato sociale. Parteciperanno al progetto, che e' promosso dall'Istituto di ricerca IARD, anche il Centro per le politiche familiari dell'Università di Bristol e il dipartimento dell'educazione dell'università di Oulu (Finlandia). (Inform)


Vai a: