* INFORM *

INFORM - N. 25 - 6 febbraio 2003

All’esame delle Associazioni la nuova legge sui Veneti nel mondo

BELLUNO - Il Consiglio direttivo dell’Associazione Bellunesi nel Mondo ha esaminato il testo della recente legge regionale del 14 gennaio 2003 n. 2, "Nuove norme a favore dei Veneti nel mondo e agevolazioni per il loro rientro". L’attenzione si è soffermata principalmente sull’articolo 3 del provvedimento che prevede l’istituzione di "sportelli informativi" per gli emigranti che rientrano in Regione, al fine di agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e garantire assistenza nelle pratiche relative al rientro e all’inserimento degli stessi nel territorio regionale. La legge prevede che detti sportelli possano essere dati in gestione anche alle Associazioni per l’emigrazione. Pertanto il Consiglio ha approvato un ordine del giorno, da inviare alla Regione, in cui chiede l’istituzione a Belluno di uno "sportello", affidandone la gestione all’Associazione, in collaborazione con la Provincia. Nell’ordine del giorno è stato sottolineato il servizio che da sempre l’Associazione svolge in questo campo, ove ha accumulato, lavorando in spirito di servizio, piena competenza.

Si è inoltre riunito a Treviso, nella sede dell’Associazione Trevisani nel Mondo, il Comitato Veneto delle Associazioni per l’emigrazione, sotto la presidenza del prof. Franco Rebellato. Presenti nove delle dodici associazioni iscritte nell’apposito Albo regionale, è stato fatto, anche in quella sede, un ampio esame della nuova legge sui "Veneti nel Mondo", soffermandosi in particolare sulla rappresentanza delle Associazioni all’interno della Consulta per l’emigrazione, il nuovo organo consultivo previsto dalla legge in materia. Detta rappresentanza sarà definita in un incontro chiesto all’Assessore ai flussi migratori Raffaele Zanon e già fissato a Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale, per il 13 febbraio. Alle Associazioni spetta designare cinque rappresentanti in seno alla Consulta. (Inform)


Vai a: